BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Conti deposito, azioni, obbligazioni, fondi di investimento Luglio-Agosto-Settembre 2014: i consigli analisti

Fondi, azioni o obbligazioni: su cosa orientarsi per investimenti in questi mesi e considerando nuova aliquota al 26%




Sale l’aliquota di tassazione sulle rendite finanziarie al 26%, il mercato ‘balla’ e sono in tanti i risparmiatori che si chiedono su cosa sia meglio orientarsi per gli investimenti di questi mesi di luglio, agosto e settembre. Ricordiamo innanzitutto che la nuova aliquota al 26% colpisce tutti i prodotti finanziari, azioni, fondi di investimenti, obbligazioni, azioni, conti deposito, conti postali, conti correnti, ad eccezione di Titoli di Stato e fondi pensione. Detto questo, considerando questo nuovo costo, per scegliere al meglio il proprio investimento è bene osservare gli andamento del mercato.

Mario Spreafico, responsabile investimenti di Schroders Wealth Management,spiega: “Stiamo vivendo un momento storico molto speciale. I mercati sono inondati di liquidità a causa delle politiche espansive delle principali banche centrali occidentali e i tassi di interesse sono eccezionalmente bassi: uno scenario che non consente confronti di lungo periodo omogenei. I bond governativi, e tra questi anche i titoli di Stato italiani, rientrano tra le poche emissioni relativamente tranquille e che non dovrebbero subire brusche variazioni di prezzo”.

Spreafico sottolinea poi il rischio che “i prezzi delle azioni incorporino aspettative di crescita degli utili delle aziende che, se disattese, potrebbero provocare forti cali di Borsa. In questo contesto preferisco scelte di nicchia. Da un lato ci sono buone opportunità in Piazza Affari, ancora lontanissima dai suoi massimi del 2007, e che potrebbe continuare a dare discrete soddisfazioni agli investitori. Dall’altro, nel reddito fisso, c’è valore nel segmento del debito dei Paesi emergenti in valuta locale. Emissioni che offrono cedole più generose rispetto alla media delle obbligazioni in euro e in dollari e che potrebbero beneficiare di un apprezzamento delle valute emergenti, ancora lontane dalla parità di 12 mesi fa, nonostante i recuperi di questi mesi”.

Per Marco Piersimoni, dell’investment advisory team di Pictet Am, invece “Per passare un’estate tranquilla si dovrebbe puntare sui fondi obbligazionari. La soluzione più adeguata potrebbe essere quella di optare per i bilanciati a gestione attiva. Prodotti di questo genere, infatti, possono investire in azioni, bond, strumenti monetari ma anche in quote di investimenti immobiliari e nelle commodities”. Inoltre, secondo il gestore, e come riportato da CorrierEconomia, i fondi bilanciati possono ottenere un buon rapporto rischio-rendimento e mantenerlo.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il