BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Assegnazioni provvisorie scuola 2014: istruzioni e nuovi chiarimenti, spiegazioni Miur

C’è ancora tempo per inviare le domande online di assegnazione provvisoria: tempi per docenti e chiarimenti del Miur




Docenti alle prese con le assegnazioni provvisorie: il Miur ha precisato che i docenti delle scuole di ogni ordine e grado dovranno inviare le proprie domande entro questo mese di luglio. I docenti delle scuole dell'infanzia e delle scuole primarie potranno presentare domanda esclusivamente via web sul sito Miur nella sezione dedicata denominata Istanze online ancora entro lunedì 21 luglio.  

I docenti delle scuole medie di primo e secondo grado, invece, potranno inviarle da giovedì 24 a mercoledì 30 luglio, sempre solo via web, mentre per gli educatori e gli insegnanti di religione cattolica, il termine è fissato venerdì 25 luglio, e per il personale Ata c’è tempo fino al 12 agosto. Il Miur, con una nuova nota ieri. 17 luglio, ha precisato che ‘a sostegno del punteggio per le utilizzazioni dichiarato dagli interessati sulle domande non è necessario allegare alcuna documentazione in quanto la valutazione dei titoli relativi alle utilizzazioni di personale titolare di cattedra e/o posto nella scuola è formulata da ciascuna istituzione scolastica in cui il personale presta servizio, ai sensi dell’art. 1 comma 6 del CCNI’.
 
Ha, inoltre, sottolineato che ‘le domande di utilizzazione e assegnazione provvisoria interprovinciali on-line vanno inviate a cura dell’interessato esclusivamente all’ATP della provincia di destinazione. L’Ufficio territoriale della provincia di titolarità ne sarà informato per conoscenza a cura del sistema informativo’ E che ‘è necessario presentare le dichiarazioni personali sostitutive delle certificazioni secondo quanto stabilito dall’art. 9 del C.C.N.I. 26.2.2014 e dell’art. 4 dell’O.M. 28.2.2014, n. 32 sulla mobilità, salvo i casi in cui è obbligatorio allegare una certificazione espressamente prevista dal suddetto CCNI e dall’Ipotesi di CCNI sulle utilizzazioni ed assegnazioni provvisorie. I responsabili degli Uffici territorialmente competenti potranno procedere ad una verifica d’ufficio della veridicità delle dichiarazioni personali rilasciate’.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il