BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne e uomini Governo Renzi: novità riforma questa settimana

Sistema contributi da allungare fino al 2018 e da estendere anche agli uomini: quanto potrebbe essere conveniente e cosa prevede




Uomini e donne in pensione prima a 57 anni per i dipendenti e a 58 anni per gli autonomi con 35 anni di contributi e pensione finale interamente calcolata con metodo contributivo. A molti, o meglio, a molte, sembrerà una formula piuttosto nota, ed effettivamente si tratta del sistema dell’opzione donna, in vigore quest’anno per le lavoratici donne, dipendenti e autonome (per loro questa possibilità si è esaurita a maggio) ma torna ad essere discussa. Il ministro Madia già tempo fa aveva annunciato la volontà di voler prorogare questa possibilità anche al prossimo ora, ma ora rilancia. Allungarla fino al 2018 ed estenderla anche agli uomini, che finora ne sono stati esclusi.

Secondo il parere di molti si tratterebbe della sistema più conveniente, sia perché dovrebbe essere solo prorogato ma confermata nella sua struttura, inoltre, prevedendo una pensione finale che, calcolata esclusivamente con metodo contributivo, dovrebbe comportare un taglio della retribuzione del 25-30% rispetto a quanto si percepirebbe con calcolo retributivo, potrebbe rappresentare un sistema di accumulo risparmi per lo Stato, che andrebbero, tra l’altro, a sommarsi a quegli 80 miliardi di euro di risparmi che la riforma Fornero dovrebbe produrre.

E’ questa una delle proposte di modifiche in discussione nella legge delega della riforma della P.A., che sarebbe dovuta arrivare in Aula martedì 22 luglio, ma che è stata rimandata e i tempi si dilatano ancora, anche se non dovrebbero poi allungarsi così tanto, visto che la riforma della P.A. comprende anche l’emendamento dei Quota 96 che, per permettere la pensione entro agosto ai 4mila pensionandi che attendono, deve essere approvato a breve altrimenti sarà troppo tardi e si arriva al 23 agosto bisognerà rifare tutto e tutto verrebbe rimandato ancora di un anno.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il