BusinessOnline - Il portale per i decision maker








770 2014: proroga scadenza ancora possibile dopo no Ministero Economia. NovitÓ e ultime notizie oggi mercoledý 23 Luglio 2014

Prorogare la presentazione del modello 770 da luglio a settembre: i motivi della richiesta e situazione di caos




AGGIORNAMENTO:  Dopo le parole del sottosegretario Zanetti si è aperta una forte polemica sul presunto no del Ministero dell'Economia e del Mef alla proroga del 770 2014.
Ma le possibilità ci sono tutte, bisogna leggere con attenzione le parole di Zanetti e ricordare quanto è successo anche in altri casi simili sia quest'anno che l'anno scorso.
Lo abbiamo fatto in questo articolo al seguente link diretto che riporta anche le ultime notizie e novità sul 770 2014 e prorhga ad oggi mercoledì 23 Luglio

AGGIORNAMENTO: Il sottosegretario Zanetti, secondo quanto dichiarato stamattina, ha detto che il Mef e il Ministero dell'Economia non vedono i presupposti per la proroga della scadenza. Questa ultimissima notizia arriva un pò a sorpresa visto che c'erano state delle aperture in precedenza.

AGGIORNAMENTO: Una proroga potrebbe arrivare per il 770 del Decreto Competitività in discussione in questi giorni in Parlamento e su il Governo potrebbe mettere la fiducia. Non è esclusa anche una circolare dell'Agenzia delle Entrate attuativa. In realtà, sia il governo che la stessa agenzia delle entrate sembrano convinti della necessità del rinvio, ma non c'è conferma sul quando.  Il decreto competitivà potrebbe essere una occasione, mentre un'altra potrebbe essere rappresentata della presentazione del disegno legge della semplificazione fiscale che dovrebbe essere annunciato a fine mese direttamente dal Consiglio dei Minisitri. Ovviamente vi continueremo a tenere aggiornati.

Associazioni di commercialisti, consulenti del lavoro, intermediari finanziari, società di gestione del risparmio chiedono da settimane una proroga per la presentazione del modello 770 2014. Oggi il termine di scadenza è fissato al 30 luglio ma le richieste di slittamento vorrebbero prorogarlo al 30 settembre. Secondo Giuseppe Diretto dell’Unagraco (Unione nazionale commercialisti ed esperti contabili) la proroga è necessaria per non creare ulteriori disagi ai professionisti abilitati, in questo mese di luglio alle prese già con troppi adempimenti fiscali.

Diretto ha precisato: “L’elaborazione dei modelli 770 determina un carico di lavoro a cui gli studi devono dedicare il giusto tempo che, ormai, difficilmente si riesce a ricavare alla luce dei numerosi impegni ai quali siamo sottoposti ogni anno in questo periodo. Non è più possibile, dunque, determinare la giusta sequenza ed esecuzione delle priorità”.

Anche l’ANC, Associazione Nazionale Commercialisti, chiede una proroga per mancanza di tempo da dedicare ora alla presentazione del modello 770 2014. Nella lettera inviata al direttore dell’Agenzia delle Entrate, si legge ‘Se anche quest’anno così come già accaduto l’anno scorso e quello prima ancora, i professionisti intermediari sono nuovamente nella condizione di dover sperare nella proroga della scadenza dell’invio telematico del modello 770, significa allora che, sebbene si discuta tanto di riforma, di riorganizzazione e riassetto del sistema e del calendario fiscale del nostro Paese, nulla sembra cambiare sul serio’.

I motivi che hanno spinto a chiedere la proroga a settembre del modello 770 dipendono dallo slittamento dei versamenti riguardanti il modello Unico 2014, dai ritardi accumulati dal software Gerico, e dalla confusione nata per il pagamento della Tasi e dell’Imu quest’anno.

La richiesta di proroga riguarda in particolar modo il 770 Ordinario. Due, infatti, i tipi di modello 770, ordinario e semplificato, che si differenziano in base ai dati da comunicare e ai quadri da compilare. Il 770 ordinario serve per comunicare i dati sulle ritenute operate su dividendi, proventi da partecipazione, redditi di capitale, operazioni di natura finanziaria e indennità di esproprio, e per comunicare versamenti, compensazioni operate e crediti d’imposta utilizzati.

Il 770 semplificato, invece, serve deve per la comunicazione dei dati riguardanti le certificazioni rilasciate ai contribuenti a cui sono stati corrisposti: redditi di lavoro dipendente e assimilati, redditi di lavoro autonomo, trattamenti di fine rapporto, erogazioni riguardanti fondi pensione, provvigioni e redditi diversi. Viene, inoltre, usato per comunicare i dati contributivi, previdenziali, assicurativi e dei dati riguardanti l’assistenza fiscale prestata.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il