BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Graduatoria d'istituto aggiornamento 2014 scuola: nuova finestra iscrizioni confermata per quest'anno

Nuova finestra a fine anno per l'inserimento nelle graduatorie di istituto di coloro che aspettano l’abilitazione: novità, tempi e Modello B




Per l'inserimento dei docenti nelle graduatorie di istituto, il Miur ha confermato la possibilità di una finestra di inserimento a fine 2014 per coloro che avranno l'abilitazione dopo il 31 luglio 2014. Il decreto ministeriale n. 375 del 6 giugno 2014 permette, infatti, anche agli aspiranti che conseguono il titolo abilitante entro il termine del 31 luglio 2014 di presentare domanda di inclusione con riserva nella seconda fascia delle graduatorie d'istituto, per il triennio 2014-2017. Possono usufruire di questa possibilità gli iscritti ai corsi di laurea in scienze della formazione primaria, di vecchio e nuovo ordinamento; i docenti che frequentano i percorsi abilitanti speciale; e coloro che frequentano i corsi di formazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità.

Il Miur chiarisce che coloro che coloro che conseguono l'abilitazione dopo 31 luglio hanno precedenza assoluta nella fascia di appartenenza. Intanto, fino al 4 agosto si potrà ancora inviare il Modello B per l'aggiornamento delle graduatorie di istituto 2014, Modello che serve a definire le istituzioni scolastiche. Per la compilazione del modello basta accedere, ricordiamo, al portale Istanza Online, utilizzando i proprio username, password e codice personal.

Bisogna poi procedere con la scelta della classe di concorso per cui si richiede l'inserimento nelle Graduatorie; decidere le 20 istituzioni scolastiche, per la primaria e l'infanzia le istituzioni sono 10 con la possibilità di sceglierne 7 come priorità per le supplenze brevi; e quindi procedere all’inoltro del Modello. Una volta inviato, il Modello B può essere modificato ma solo fino alla data ultima di scadenza, cioè il 4 agosto.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il