Prestiti personali senza stipendio, garanzia e busta paga: Postepay, nuova offerta Luglio 2014

Il prestito senza busta paga SpecialCash di Poste Italiane: cosa offre, chi può richiederlo, come e documenti da presentare per domanda

Prestiti personali senza stipendio, gara


Si stanno diffondendo sempre più le offerte di prestiti personali senza busta paga, proposte pensate in questo periodo di crisi per andare incontro anche a studenti, lavorati atipici o con contratti di lavoro a tempo determinato ma a cui serve liquidità per mantenersi agli studio o per sostenere le spese quotidiani, come in molti accade a molte famiglie. Tra le migliori offerte disponibili spicca quella di Poste Italiane che propone Special Cash Postepay, forma di prestito personale per tutti i titolari di Postepay che prevede l'accredito dell'importo richiesto direttamente sulla carta Postepay e che permette di effettuare operazioni in qualsiasi modo si voglia,

Questo prestito offerto da Poste Italiane prevede la richiesta di una somma compresa tra 750 e 1.500 euro, il cui importo sarà, una volta accettata la domanda, direttamente versato sulla carta. La restituzione della somma richiesta avviene in 15, 20 e 24 mesi e i tassi sono vantaggiosi. Per richiedere il prestito SpecialCash bisogna avere un’età compresa fra i 18 e i 70 anni, avere una Postepay sulla quale verrà accreditato il vostro prestito; e presentare carta d'Identità; tessera sanitaria.

Il prestito senza busta paga SpecialCash può essere chiesto in qualsiasi sportello delle Poste Italiane, da chiunque, sia dai cittadini italiani che stranieri, purchè abbiano un permesso di soggiorno valido, passaporto e un certificato di reddito. In generale, basta comunque compilare un modulo allo sportello e presentare un documento d’identità ovviamente valido, tessera Sanitaria, documento di reddito in caso di scelta del bollettino postale come modalità di rimborso.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il