BusinessOnline - Il portale per i decision maker








770 2014, Unico 2014, Locazioni affitti: nuovo calendario Fisco Luglio tra proroga scadenza ufficiale e nuove date

Scadenze fiscali ancora in programma per questa fine del mese di luglio: chi paga, quanto e come. Tutti gli appuntamenti e proroga a settembre 770 2014





Sono milioni i contribuenti italiani che in questo mese sono chiamate a osservare diverse scadenze fiscali, tra dichiarazioni dei redditi, versamenti Iva e cedolare secca, mentre è stata ufficialmente prorogata al prossimo settembre la presentazione del modello 770 per la certificazione delle ritenute di acconto. La data iniziale di presentazione era fissata per il 31 luglio. Nonostante questo rinvio, restano comunque tante le adempienze fiscali.

Per quanto riguarda gli appuntamenti Iva, il 31 luglio bisogna presentate le richieste di rimborso (o compensazione) del credito Iva trimestrale; stessa data anche per l’invio della comunicazione mensile telematica all’Agenzia delle Entrate dei dati relativi alle operazioni Iva effettuate con operatori economici con sede in Paesi a fiscalità privilegiata relativa al mese di giugno e al secondo trimestre; sempre entro il 31 luglio bisogna comunicare le annotazioni nei registri Iva nel mese precedente relativamente agli acquisti da San Marino.

Passando alla voce affitti e locazioni, entro il l 31 luglio, dovranno pagare i titolari dei contratti nuovi o rinnovati tacitamente dal primo luglio 2014, appuntamento che non vale per chi ha effettuato la registrazione del contratto in via telematica, visto che ha già pagato l’imposta. Per quanto riguarda, invece, chi presenta il modello Unico 2014 per la dichiarazione dei redditi, grazie al Dpcm 13 giugno 2014, i contribuenti soggetti agli studi di settore e i contribuenti minimi possono pagare le imposte derivanti da Unico entro il 20 agosto 2014. Questa proroga vale anche i contribuenti che partecipano a società che applicano gli studi di settore o ad associazioni e imprese soggette a studi di settore.

Il rinvio, comunque, vale solo per le società la cui scadenza del versamento delle imposte coincide con il termine del 16 giugno o 16 luglio 2017. Chi paga il 16 luglio o il 20 agosto dovrà pagare le imposte con la maggiorazione dello 0,40% sulla somma già dovuta. Nel caso di mancato pagamento della maggiorazione, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che la sanzione del 30% prevista sarà applicata solo sulla differenza non versata e non sull'intero importo, compreso quello versato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il