BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma Pubblica Amministrazione: pensioni, prepensionamento, turn over, mobilità. Misure e novità ufficiali approvate da Camera

Novità e misure approvate ufficialmente ieri in Riforma PA Renzi-Madia alla Camera




AGGIORNAMENTO: Ieri, in tarda serata, la Camera ha approvato a larga maggioranza, il Dl della Riforma della pubblica amministrazione. Confermate tutte le novità su pensioni, prepensionamenti, quota 96, mobilità, turn over che potete trovare in questo articolo sottostante. Il voto finale vi sarà lunedì o martedì 4-5 Agosto in Senato.

E’ atteso per oggi, mercoledì 30 luglio, il voto di fiducia alla Camera sulla riforma della Pubblica Amministrazione. Poi passerà al Senato, mente ha già ottenuto il via libera il Dl competitività. Entrambi i provvedimenti, in scadenza il 23 agosto, dovranno essere convertiti prima della pausa estiva. Tante le modifiche alla riforma della P.A., migliorative come le aveva definite qualche giorno fa il ministro Madia, novità che interessano principalmente pensioni, turn over, dirigenti pubblici. Insieme al via libera all’emendamento per i Quota 96 della scuola che permetterà a 4.000 insegnanti di andare in pensione a settembre, è passato anche l’emendamento che prevede la possibilità di pensionamento anticipato a 62 anni, senza penalizzazione, ma se si raggiunge l’età contributiva richiesta, vale a dire 41 anni e 6 mesi per le donne e 42 anni e 6 mesi per gli uomini.

I dirigenti pubblici potranno andare in pensione quattro anni prima, rispetto al limite dei 66 anni fissati dalla legge Fornero, anche a 62 anni e 4 mesi con un preavviso di 6 mesi; i trattamenti di servizio di magistrati e militari potranno essere mantenuti anche nel 2015; i criteri di turn over saranno più flessibili e basati unicamente sui criteri di spesa; previsto il divieto di aspettativa per i magistrati che svolgono incarichi in uffici che hanno una diretta collaborazione con le pubbliche amministrazioni; ed è inoltre stato stabilito che per poter partecipare alle selezioni di incarichi direttivi, bisognerà avere almeno tre anni di attività lavorativa.

Per quanto riguarda poi la mobilità obbligatoria che non potrà superare i 50 km, non sarà applicata ai dipendenti pubblici che hanno figli di età inferiore ai tre anni, disabili e che godono del congedo parentale; per quanto riguarda i dirigenti di Bankitalia e dell'Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni, per un periodo di due anni dalla cessazione dell'incarico, non potranno intrattenere rapporti di collaborazione, consulenza o impiego con i soggetti regolati.

Tra le altre misure, prevista l'assunzione di 1.030 vigili del fuoco e il lavoro dell'unità operativa speciale per Expo 2015 fino alla completa esecuzione dei contratti di appalto di lavori, servizi e forniture, del 31 dicembre 2016. Salve le sezioni distaccate dei Tar, che si trovano nelle città sedi di corti d'appello (Salerno, Reggio Calabria, Lecce, Brescia e Catania). La soppressione delle altre sedi slitta di quasi un anno (dall'ottobre 2014 a luglio 2015); tagliati del 20% i compensi dei membri del Cda delle società partecipate che forniscono prestazioni alle pubbliche amministrazioni superiori al 90% dell'attività complessiva; mentre i componenti delle Authority dovranno aspettare 5 anni per poter essere nuovamente nominati in un'altra autorità.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il