Pensioni precoci e usuranti Governo Renzi riforma si può fare: novità no penalizzazioni, 62 anni e massimi contributi e quota 96

Andare in pensione anticipata a 62 anni senza penalizzazioni sull'assegno finale: le novità pensioni della riforma della P.A. e nuove prospettive

Pensioni precoci e usuranti Governo Renz


Andare in pensione anticipata a 62 anni, invece che a 66, o anche prima con il massimo dei contributi previsti, 42 anni e 6 mesi per gli uomini e 41 anni e 6 mesi per le donne e senza penalizzazioni sull'assegno finale: insieme all'emendamento dei Quota 96 della scuola, passa anche questa novità per i dipendenti pubblici nella riforma della P.A. che si appresta a ricevere oggi 30 luglio il voto di fiducia alla Camera. Ma la norma dovrebbe essere estesa anche ai privati con la Legge di Stabilità 2015.

Secondo il testo, ‘l'istituto è applicabile al personale dirigenziale e ai dipendenti reintegrati in servizio dopo una sentenza di proscioglimento ai sensi dell'articolo 3, comma 57, della legge 24 dicembre 2003, n. 350 mentre non è applicabile al personale di magistratura’. Per dirigenti medici e personale sanitario del servizio sanitario nazionale, compresi i responsabili di struttura complessa, professori e ricercatori universitari, l’età sale a 65 anni.

La novità favorisce soprattutto i lavoratori precoci e usuranti che sarebbero stati fortemente penalizzati dalla legge Fornero se avessero deciso di andare in pensione prima. Il ministro della Pa, Marianna Madia, ha spiegato: “Noi non andiamo in deroga alla Fornero, ma abbiamo posto una serie di paletti di anzianità e anagrafici, specificando la necessità di motivare la scelta con criteri oggettivi, così da applicare la norma in modo virtuoso e non vizioso o arbitrario. In questo modo, le eccellenze indispensabili non saranno sostituite, potranno restare. Ma, in alternativa, ci sarà la possibilità di fare entrare giovani”.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il
Puoi Approfondire