BusinessOnline - Il portale per i decision maker








770 2014: scadenza proroga ufficiale. Agenzia Entrate e Governo confermano lavoro per cancellazione obbligo invio nel 2015

Oggi proroga ufficiale a settembre modello 770 2014 ma forse ultimo anno di presentazione: le nuove dichiarazioni del direttore delle Entrate Orlandi




Si decide oggi, giovedì 31 luglio, la proroga ufficiale di invio telematico del modello 770 2014. Una mezza vittoria per commercialisti, consulenti del lavoro e professionisti del settore, considerando che la proroga arriva proprio nel giorno di scadenza presentazione del modello, il che significa che in tanti si saranno certamente affrettati in queste ultime settimane per non disattendere la data di oggi, nonostante le richieste insistenti di rinvio che si sono susseguite in questi ultimi giorni ma a cui non è mai arrivata alcuna risposta ufficiale.

Oggi qualcosa potrebbe cambiare con l’arrivo in Aula del dl Sblocca Italia ma per molti è tardi. Chi invece non avesse ancora provveduto all’invio potrebbe ben accogliere la proroga al prossimo mese di settembre. La convocazione per la discussione è per oggi alle 18:30 e solo allora avremo conferma del nuovo giorno di scadenza di presentazione del 770 2014. Ma questo potrebbe essere l’ultimo anno di invio di tale modello.
 
Solo qualche giorno fa la presidente del Consiglio dei Consulenti del Lavoro Calderone aveva suggerito di rivedere il calendario delle scadenze fiscali e stabilire come nuova scadenza annuale del 770 il mese di settembre, ma il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi, nella sua relazione sul programma di riduzione di obblighi, comunicazioni e procedure onerose e inutili, sull’eventuale proroga in calendario del modello 770, ha precisato l'esigenza di “non incorrere più in futuro nella necessità di proroghe”, sottolineando “l'opportunità di lavorare anche affinché alcuni adempimenti vengano meno. Uno su tutti il 770”, lasciando dunque intendere che dal prossimo 2015 l’invio del modello 770 potrebbe anche essere completamente abolito.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il