BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni statali anticipata con uscita 62 anni con massimo contributi e senza penalizzazioni. Per chi, come e quando in riforma PA

Possibilità per le amministrazioni pubbliche di mandare in pensione d'ufficio prima i dipendenti: le novità pensioni in riforma P.A. dopo voto fiducia della Camera




Andare in pensione a 62 anni senza penalizzazioni ma con il massimo della contribuzione richiesta raggiunta: questa la novità pensioni approvata ieri con la riforma della P.A., primo passo, insieme all’emendamento Quota 96 per la scuola, verso il cambiamento del sistema previdenziale italiano. E’ vero che la misura è stata approvata per il pubblico impiego, ma è vero anche che sarà una norma certamente da estendere anche ai lavoratori privati, magari con la prossima Legge di Stabilità 2015, per evitare di creare discriminazioni e conseguenti contenziosi e ricorsi.

La nuova norma approvata prevede la possibilità di pensione anticipata per i dipendenti pubblici a 62, o anche prima, purchè abbiano raggiunto il massimo dei contributi, e cioè 42 anni e sei mesi per gli uomini e 41 anni e sei mesi per le donne, senza alcuna penalizzazione sull’assegno finale, come invece accade oggi. La legge Fornero ha infatti stabilito decurtazioni in percentuale in base all’anno in cui si decide di uscire prima rispetto alla soglia fissata dei 66 anni. Il requisito anagrafico sale invece a 68 anni per professori universitari e primari e a 65 anni per i medici.
 
Modificate anche altre norme sulle pensioni, a partire da quelle sul trattenimento in servizio, per cui è stato confermato per i magistrati l’abbassamento dell’età pensionabile da 75 anni a 70 anni a partire dal 31 dicembre del 2015. Scatta invece da subito, e non più come inizialmente previsto dal 2015, l’abbassamento dell’età per i militari, che, però, potranno continuare ad essere richiamati in servizio anche dopo aver maturato requisiti pensionistici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il