BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Quota 96 novità, aggiornamenti, ultime e ultimissime notizie ad oggi sabato 2 Agosto.

E’ caos su emendamento Quota 96 fra pareri contrari e proteste degli interessati. Riusciranno ad andare in pensione entro il primo settembre? Si teme blocco in Senato




Ancora dubbi e perplessità sull’approvazione dell’emendamento per i Quota 96 della scuola: mentre il voto passa al Senato, con Ragioneria dello Stato, Ministero dell’Economia ed anche commissario Cottarelli in disaccordo con il provvedimento, si delineano i tempi in cui dovrebbero svolgersi le procedure.

Probabilmente le domande di pensionamento da inviare saranno due, una da indirizzare all’Inps e una al Miur, quest’ultima in formato cartaceo. Il modello comunque precisa che ‘il pensionamento è subordinato al contingente di 4mila posti massimi’. Il tempo per presentare domanda sarà di 15 giorni e ciò significa che per il pensionamento entro il primo settembre, le operazioni di invio domanda dovranno iniziare per ferragosto o poco prima e se questi tempi allungarsi, i docenti potrebbero tornare in cattedra dal primo settembre, per poi essere sostituiti dai supplenti durante l’anno scolastico.

Ciò significa, dunque, non solo che i docenti in attesa di pensione dovrebbero aspettare ancora, ma che anche i supplenti subiranno danni, considerando che non prenderebbero servizio a inizio anno, ma in corso d’anno, sempre se procedure e tempi seguono quanto stabilito. C’è anche il rischio che tutto salti, viste le lungaggini burocratiche che emergono di volta in volta.

E mentre incalzano le proteste contro la posizione di Cottarelli, come si può ben leggere sul gruppo dei Quota 96 di Facebook, ‘#quota96 scuola chiede l'immediato allontanamento di Cottarelli. Ci ha disonorato! #Renzi: si fa anche senza di lui! Allora licenziamolo subito! Poi lo denunceremo per diffamazione: noi che abbiamo regalato 12 mesi gratuitamente e con passione alla formazione dei giovani, noi che siamo stati derubati di un diritto sancito per legge (legge ancora vigente), noi che riprenderemo i nostri soldi versati dopo 4,5,6 anni, saremmo la causa dei mancati risparmi? Raccogliamo le adesioni tra i 3.534 (su 3976) di questa pagina per una denuncia per diffamazione!’, interviene il presidente della Commissione Lavoro Damiano.

E dice “La soluzione per Quota 96 degli insegnanti e la cancellazione delle penalizzazioni per chi va in pensione di anzianità prima dei 62 anni, sono andate in porto alla Camera con il voto di fiducia sul Decreto sulla Pubblica Amministrazione. Se il governo ha chiesto la fiducia al Parlamento su un testo i suoi ministri non possono farsi venire i dubbi successivamente cedendo, ancora una volta, alle pressione dei tecnici o dei commissari. Spetta alla politica decidere le priorità di spesa. Alla politica si chiede coerenza e questi problemi aspettano da tempo di essere risolti. Se il Senato cambia il testo, il Decreto torna alla Camera: avanti di questo passo e scade il tempo per la sua conversione”.
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il