BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia e anzianità riforma Governo Renzi: cambiamenti e novità in riforma PA cancellati o modificati in Senato

Novità pensioni riforma P.A. in Senato ma si teme che tutto possa essere bloccato o di nuovo modificato: situazione e previsioni




La riforma pensioni passa attraverso le misure della riforma della P.A. che hanno ottenuto la fiducia alla Camera e si avviano al Senato dove, però, si preannuncia scontro su pensionamento anticipato per i dipendenti pubblici senza penalizzazioni nonché sull’emendamento per i Quota 96 della scuola. Si teme che tutto venga bloccato, cada e per i pensionandi della scuola si debba rimandare tutto addirittura al prossimo anno, rischiando così di far rimanere a lavoro ancora un anno lavoratori della scuola che in realtà hanno maturato i loro requisiti pensionistici già due anni fa. A rischio, dunque, le pensioni di anzianità anticipate.
 
In particolare, a rischio sarebbe la norma che dà facoltà alle pubbliche amministrazioni di mandare a riposo i suoi dipendenti, a 62 anni senza penalizzazioni sull’assegno finale purchè abbiano raggiunto la massima contribuzione. L’età sale a 68 anni per professori universitari e primari e a 65 anni per i medici. I contributi da raggiungere sono di 41 anni e sei mesi per le donne e 42 anni e sei mesi per gli uomini. Novità anche per la mobilità obbligatoria che potrà essere attuata entro i 50 chilometri, ma non vale per i genitori con bambini sotto i 3 anni o disabili.

Non sarà toccata la mobilità in Senato ma nel mirino del malcontento di Mef, Ragioneria dello Stato e commissario Cottarelli le misure di prepensionamento a causa delle coperture finanziarie che impiegherebbero. Dito puntato anche contro il provvedimento che dà il via libera ai 4 mila pensionamenti nella scuola. Secondo Cottarelli, “Per coprire i costi si sono usati i risparmi futuri della spending. Se si utilizzano risorse provenienti da risparmi sulla spesa per aumentare la spesa stessa il risparmio non potrà essere utilizzato per ridurre la tassazione su lavoro”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il