BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Amnistia e indulto: decreto svuota carceri approvato, è legge. Novità e misure ufficiali. Cosa cambia realmente

Fiducia del governo al decreto svuota carceri e prossimi appuntamenti per riforma Giustizia e misure di indulto e amnistia: misure approvate e novità




Giovedì 7 agosto è atteso in Parlamento per una nuova audizione il ministro della Giustizia Orlando che dovrà riferire sull’attuale condizione delle carceri italiane, entro il prossimo 20 agosto, invece, tutte le misure della riforma Giustizia saranno online con tutte le schede che man mano verranno pubblicate, ma restano sempre le misure di indulto e amnistia i punti caldi della riforma delle carceri in Italia, con le forze politiche e sociali divise fra chi sostiene che le misure di clemenza possano servire molto in questo momento, e fra questi anche il presidente della Repubblica Napolitano, e chi invece ne è dichiaratamente contro.

All’esame della commissione giustizia, dal 4 all’8 agosto, i quattro disegni di legge su amnistia e indulto. Il decreto svuota carceri ha intanto ottenuto la fiducia del governo: via libera dunque alle misure di risarcimenti economici e sconto della pena per i detenuti costretti, o che lo sono stati, a vivere in cella in condizioni disumane.

Tra le altre misure contenute nel decreto la riforma della custodia cautelare in carcere, che il giudice potrà escludere in caso di condanne inferiori a 3 anni e a patto che non riguardino reati gravi come di rapine, furti in abitazione, stalking e maltrattametni in famiglia; norme a favore del diritto minorile fino ai 25 anni e non più fino ai 21; e aumenta il numero de magistrati di sorveglianza fino a 204 unità.

Per il ministro Orlando “il rimedio adottato è l’unico modo per evitare che il contenzioso venga risolto dalla Corte. Se Strasburgo ci avesse condannato avremmo dovuto pagare 20 euro al giorno per una cifra complessiva di 300 milioni, gli 8 euro vanno considerati come un risarcimento per evitare un danno economico ben maggiore“.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il