BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni, riforma, ultime notizie e novità: Poletti conferma modifiche, ma sembra contrario lo stesso Governo. Massima confusione

Rendere più flessibile il pensionamento: l’obiettivo del ministro Poletti in prossima Legge di Stabilità. Ma pareri contrari dei tecnici




Si auspicano da mesi ormai interventi di modifica alle pensioni, ci sono ipotesi e proposte per un’uscita anticipata e flessibile rispetto ai requisiti oggi richiesti, ma nulla ancora si muove concretamente. Sembra sia sempre più difficile intervenire con cambiamenti sulla riforma pensioni Fornero, modificarne i criteri, cambiarne i paramenti, nonostante i diversi tentativi e le prese di posizione a favore. E la cancellazione di norme fondamentali come quella dei Quota 96 della scuola e il ritorno delle penalizzazioni per chi decide di uscire prima dei 62 anni sono un’ennesima conferma della difficoltà di cambiare la riforma pensioni attuale.

Il problema riguarda le risorse che non ci sono, motivo alla base dello ‘scontro’ tra volontà politica e tecnici di Ragioneria dello Stato e Mef. Nonostante questo, però, il ministro del Lavoro Poletti solo qualche giorno fa ha ribadito l’intenzione di introdurre modifiche pensando ad una soluzione universale per tutti, da inserire nella nuova Legge di Stabilità in arrivo in autunno.

In particolare, il ministro Poletti ha detto: “Dobbiamo rendere più flessibile la possibilità di pensionamento, trovando gli strumenti adatti e coerenti alla diverse situazioni”. E sulle risorse per la Cig in deroga: “Abbiamo deliberato e spostato 800 milioni di euro che erano stati stanziati sul 2014 per pagare i residui di cassa del 2013. Contemporaneamente ci siamo impegnati a trovare nuove fonti di copertura, ossia 600 milioni di euro. Sostanzialmente il problema è risolto. Sul bonus giovani faremo una riflessione per verificare se l'impianto della norma può essere migliorato. Non abbiamo comunque intenzione di interrompere l'agevolazione”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il