BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma pubblica amministrazione seconda fase a settembre e in Legge Stabilità: pensioni, prepensionamento, turn over, contratti

Prossimi appuntamenti pensioni statali e privati e turn over dopo l’estate con nuova fase riforma P.A. e nuova Legge di Stabilità: le intenzioni del governo




“Il decreto è solo il primo tassello, con il quale abbiamo voluto dare il segno ai cittadini che sappiamo che il cambiamento deve arrivare velocemente. Il cuore vero della riforma della Pubblica amministrazione, il ribaltamento vero del rapporto tra cittadino e amministrazione, è il disegno di legge, calendarizzato qui in Senato e spero che il più presto possibile potremo iniziare una approfondita e bella discussione sul ddl che segna, a mio avviso, il cambio di paradigma”: così il ministro Marianna Madia sulla riforma della Pubblica Amministrazione. L'appuntamento fondamentale per la riforma della P.A., come annunciato dalla Madia, è a settembre.

Sarà nella seconda fase del dopo estate che saranno, infatti, affrontate le questioni principali legate a prepensionamento statali e turn over nonché novità contratti, ma non solo. Perché i prossimi mesi dell’autunno saranno anche quelli in cui verrà presentata la nuova Legge di Stabilità che, come annunciato dal ministro del Lavoro Poletti, ma confermato anche dal presidente del Consiglio Renzi, sarà l’occasione per nuove definizioni di interventi per le pensioni.

A partire da quella soluzione universale per tutti annunciata da Poletti e che possa garantire l’opportunità di uscita anticipata e flessibile dal lavoro, ad un nuovo provvedimento, come ha detto Renzi, per il pensionamento dei 4mila appartenenti alla cosiddetta Quota 96 della scuola, insegnanti e persona Ata che sembrava potessero finalmente andare in pensione entro il primo settembre di quest’anno ma che sono stati bloccati (per l’ennesima volta) dai pareri contrari di Ragioneria di Stato e Ministero dell’Economia a causa della mancanza di coperture finanziarie necessarie. I mesi di fine anno potrebbero, dunque, essere quelli decisivi per capire come il governo avrà davvero intenzione di intervenire sulle pensioni italiane.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il