BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni usuranti e precoci riforma Governo Renzi: novità di oggi e della settimana

Precoci e usuranti in pensione prima con soluzione unica Poletti pronta forse con nuova Legge di Stabilità: situazione e previsioni




Sarebbero stati i primi a beneficiare di uscite anticipate dal lavoro senza penalizzazioni i lavoratori precoci e usuranti, categorie che sono state fortemente penalizzate dall’entrata in vigore della riforma pensioni Fornero, che ha innalzato l’età pensionabile per tutti, a 66 anni, senza considerare alcuna particolarità specifica di alcuni comparti lavoratori. Ed ecco createsi i problemi, come quello dei Quota 96 della scuola (anch’essi considerarti usuranti), lavoratori della scuola, tra insegnanti e personale Ata, che sarebbero dovuti andare in pensione già due anni fa, bloccati dalle norme pensionistiche Fornero, per cui si erano accese nuove speranze con la riforma della P.A. che conteneva una misura per il loro pensionamento entro agosto.

Ma la norma, dopo aver ricevuto alla Camera, è stata cancellata e dal primo settembre gli aspiranti pensionandi dovranno tornare e attendere ancora, probabilmente un anno, per riuscire a raggiungere il congedo. Insieme a loro dovranno aspettare anche tutti coloro che speravano in misure che permettessero un’uscita anticipata dal lavoro, anche se il ministro Poletti ha riacceso le speranze, annunciando nuovi interventi dopo l’estate.

La prossima Legge di Stabilità potrebbe, infatti, contenere, contrariamente a quanto auspicato dal commissario alla spending review Cottarelli, soluzioni di pensionamento flessibile e anticipato. Poletti dice infatti: “Credo che qualcosa di significativo si possa fare con un meccanismo che flessibilizzi il pensionamento per situazioni socialmente molto difficili come quelle di persone avanti con l'età che abbiano perso il lavoro e non abbiano ancora maturato i requisiti per il pensionamento. Non possiamo lasciarli in una terra di nessuno. E' un tema allo studio ed entro la legge Stabilità lo esamineremo. Ci sono tanti scalini possibili” e non ha escluso un intervento sul sistema pensioni attuale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il