BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità e vecchiaia riforma Governo Renzi: molti cambiamenti minori ma modifiche davvero significative

Soluzione ponte di pensionamento anticipato di uno o due anni rispetto ai requisiti oggi richiesti: cosa potrebbe cambiare per le pensioni dopo l’estate




Il ministro del Lavoro Poletti ha indicato come prossimo termine di intervento sulle pensioni la Legge di Stabilità che arriverà dopo l’estate e che, contrariamente alle ipotesi di cui si parla oggi, tra Quota 100, prestito pensionistico, sistema contributivo e uscita a 62 anni con 35 anni di contributi, potrebbe prevede un intervento ‘ponte’ per modificare l’attuale riforma pensioni, ponendosi come soluzione strutturale, dai costi sostenibili. Il sistema permetterebbe la possibilità di uscita anticipata di uno o due anni rispetto ai requisiti oggi richiesti per coloro rimasti senza lavoro e in grave difficoltà economica.

Poletti ha, del resto, confermato solo qualche giorno fa che “qualcosa di significativo si possa fare con un meccanismo che flessibilizzi il pensionamento per situazioni socialmente molto difficili come quelle di persone avanti con l'età che abbiano perso il lavoro e non abbiano ancora maturato i requisiti per il pensionamento. Non possiamo lasciarli in una terra di nessuno. E' un tema allo studio ed entro la legge Stabilità lo esamineremo. Ci sono tanti scalini possibili”.

Al momento, invece, con la riforma della Pubblica Amministrazione diventata legge, i dipendenti statali potranno essere mandati in pensione a 62 anni, con il massimo della contribuzione, norma che vale anche per i dirigenti; viene abolito il trattenimento in servizio che cancella, dunque, la misura per cui chi raggiunge il pensionamento può continuare a lavorare, ed entra in vigore il 31 ottobre del 2014 per tutte le categorie di lavoratori dipendenti ad eccezione dei magistrati, per cui scatterà invece dal 31 dicembre 2015; ed è stata confermata la mobilità obbligatoria entro i 50 chilometri ma non varrà per i genitori di bambini fino a 3 anni di età e per chi è tutelato dalla legge 104 (assistenza a parenti malati).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il