BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: soldi da quelle d'oro

Novità ed ultime notizie aggiornate sulla riforma pensioni Renzi: le coperture potrebbero essere prelevate dalle pensioni d’oro, ecco le ultime news.




Uscita anticipata, pensione anticipata e flessibile per tutti, riforma pensioni: sono questi alcuni dei termini che maggiormente fioccano tra le pagine di giornale, in quanto il tema della riforma della Pubblica Amministrazione – ed in particolare il tema delle pensioni – è un argomento molto caldo che sta letteralmente tenendo banco.

La riforma della Pubblica Amministrazione sarebbe dovuta essere all’insegna dello svecchiamento e della flessibilità, non solo per quel che riguarda la burocrazia, ma anche per il mercato del lavoro, specialmente per dirigenti e dipendenti pubblici: ci si aspettava una maggiore apertura da parte del Governo Renzi, apertura che però, evidentemente, non è avvenuta fino in fondo.

Uno dei problemi principali riguarda la mancanza di fondi e di coperture tali da consentire l’uscita anticipata, una maggiore mobilità, l’assenza di penalizzazioni in caso di pensionamento anticipato, e “quota 96”. I tecnici sembrano essere stati piuttosto chiari a proposito: secondo la Ragioneria di Stato ed il Mef, non vi sono le coperture per garantire il pensionamento delle oltre 4.000 unità che erano rimaste bloccate con la riforma Fornero.

Ma per risolvere questo problema – che il ministro della Pubblica Amministrazione Marianna Madia ha dichiarato risolvibile entro settembre – e per finanziare i vari correttivi, l’ipotesi del Mef consiste nell’applicare un contributo di solidarietà solo sulla parte dell'assegno previdenziale maturato con il sistema retributivo. Questa opzione potrebbe riguardare le pensioni che superano i 62 mila euro: ciò potrebbe consentire di trovare i fondi per risolvere i nodi e gli errori, ma non è detto che la pista sia effettivamente battuta.

Si attendono ulteriori aggiornamenti in merito.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il