BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni uomini e donne riforma Governo Renzi: le novità. Fondi per categorie meno tutelate

Ultime notizie sulle pensioni uomini e donne riforma Governo Renzi: le novità e ultime notizie su uscita anticipata, flessibilità, riforma pensioni, e coperture.




Riforma pensioni Renzi: il vero problema – ormai sembra esser chiaro – è la mancanza di soldi.

Soldi che all’Italia mancano per consentire al governo di concretizzare le promesse fatte in questi mesi, a partire dall’uscita anticipata senza penalizzazioni, all’opzione donna, alla pensione all’insegna della flessibilità (Marianna Madia, ministro della pubblica Amministrazione, parlava proprio di pensione anticipata e flessibile per tutti), ed all’emendamento sulla quota 96.

Questo è un punto molto importante sul quale si stanno effettivamente ricercando delle soluzioni: infatti, l’emendamento della “Quota 96” avrebbe dovuto consentire ai dipendenti delle scuole (circa 4mila) di andare finalmente in pensione dopo il blocco della riforma Fornero.

I quota 96 (che consiste nella somma dell’età anagrafica e dei contributi) sono, infatti, dipendenti delle scuole che pur avendo i requisiti non hanno potuto raggiungere l’agognata pensione e sono attualmente bloccati. Il governo aveva promesso che anche per loro ci sarebbero state delle soluzioni, ma l’emendamento soppressivo annunciato da Marianna Madia ha letteralmente spento le speranze: la soluzione per questa categoria di lavoratori, però, potrebbe arrivare a settembre, anche se non è ancora chiaro in che modo.

Il Mef, dopo aver redatto il bilancio negativo, ha ideato una possibile strada da percorrere, pista però da considerarsi pericolosa e lastricata di problemi: secondo il Mef, per ottenere i fondi necessari anche sull’opzione donna (per la quale ci si aspettava una soluzione più aperta da parte del governo) potrebbe essere utile eseguire un taglio sulle pensioni d’oro.

Al momento, però, le novità ed ultime notizie sulla riforma pensioni non sono confortanti: si attende la legge di stabilità, nel 2014, per avere tutte le risposte che si sperano.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il