BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne e uomini riforma Governo Renzi: novità della settimana

Novità ed ultime notizie di questa settimana sul tema della riforma pensioni Renzi: cosa accade alle pensioni uomini e donne, i problemi e le possibili soluzioni auspicate dal Governo.




Un tema costellato di problemi, quello della riforma pensioni su cui si cercano spasmodicamente novità ed ultime notizie per le categorie svantaggiate dalla riforma: c’è da dire, a questo proposito, che le aperture che il Governo aveva promesso con la riforma della Pubblica Amministrazione in realtà non sono così effettive come potrebbe apparire, e che pertanto la situazione si fa ancora più complessa.

Da un lato, infatti, vi è ancora troppa chiusura da parte del Governo su temi come l’opzione donna, il prepensionamento, l’uscita anticipata, mentre a più riprese si era parlato – lo aveva fatto Giuliano Poletti, seguito a ruota da Marianna Madia, ministro della Pubblica Amministrazione – di “pensione anticipata e flessibile per tutti”; dall’altro, la chiusura sembra determinata anche dall’effettiva difficoltà di trovare i fondi necessari all’apertura a cui si auspica, perché la situazione economica dell’Italia cozza con le promesse fatte dal Governo.

È saltato, ad esempio, il tetto dei 68 anni per i professori universitari e per i primari, mentre rimane per loro invariata la soglia indicata per i dipendenti pubblici; è saltata l’opzione donna, su cui il Governo promette di ritrattare con la prossima Legge di Stabilità; rimane invariato invece il tema delle penalizzazioni, perché si parla ancora del taglio dell'1% per ogni anno di anticipo rispetto ai 62 e del 2% per ogni ulteriore anno rispetto ai 60.

Su questi ed altri temi – come ad esempio la “Quota 96”, emendamento soppressivo per i 4mila insegnanti ancora impossibilitati ad andare in pensione – il Governo dovrà fornire delle precise risposte, ma la soluzione potrebbe essere molto più difficile ed impopolare di quanto si pensi.
Infatti, si pensa al possibile taglio delle pensioni d’oro e ad una ulteriore tassazione patrimoniale per recuperare i fondi necessari: soluzione che, sicuramente, metterà tutti in disaccordo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il