BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità e vecchiaia Governo Renzi: riforma e novità finora di questo mese di Agosto.

Novità pensioni di questo mese di agosto e prossime mosse del governo per modificare riforma Fornero: la situazione




Nessuna modifica all’attuale riforma pensioni richiesta e auspicata con la riforma della Pubblica Amministrazione e, come annunciato più volte dal ministro del Lavoro Poletti, tutto dovrebbe ora concentrarsi nella prossima Legge di Stabilità, che dovrebbe arrivare ad ottobre. Allo studio del governo sempre le diverse ipotesi di uscita anticipata e flessibile già presentate settimane fa, dall’uscita a 62 anni con 35 anni di contributi e penalizzazioni, all’uscita con Quota 100 (65 anni di età e sempre 35 di contributi), nonché prestito pensionistico e sistema contributivo da estendere però anche agli uomini e prolungandolo fino al 2018.

Ma non solo: le nuove ipotesi di cui si è discusso negli ultimi giorni riguardano la possibilità di introdurre un nuovo contributo di solidarietà sulle pensioni più alte calcolate con sistema retributivo e che superano una certa soglia, nonché taglio dell’Irpef per i pensionati. Ancora modifiche, dunque, e non stravolgimento completo della riforma Fornero.

Del resto, come aveva anche spiegato tempo fa il sottosegretario Baretta, bisognerebbe solo “Intervenire sui buchi lasciati aperti dalla legge Fornero. Nella fretta l’ex ministro ha lasciato scoperti una serie di casi che ancora adesso stiamo affrontando situazione per situazione. I più famosi sono gli esodati oppure quello dei 4mila professori tenuti al lavoro con le nuove norme”. E per Baretta, “La soluzione sta nel trovare strumenti strutturali. Bisogna introdurre la flessibilità in uscita che manca. La Fornero ha previsto che chi vuole restare a lavoro dopo i 66 anni, e fino a 70, veda rivalutata la sua pensione. Nella stessa logica, ma con un meccanismo rovesciato, si può prevedere che chi abbandona prima dei 66 anni, questo limite non va assolutamente toccato, si ritrovi con un assegno minore”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il