BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: ancora blocco e novità negative quota 96 sono per tutti un segnale negativo

Ancora nulla di concreto per la soluzione della questione dei Quota 96 della scuola: delusione per tutti coloro che speravano in modifiche alla legge pensioni Fornero




Cambiare la riforma pensioni Fornero continua ad essere complicato: nonostante il premier Renzi abbia da sempre ribadito la sua intenzione di non voler stravolgere l’attuale legge sulle pensioni ma solo apportarvi qualche modifica, o meglio, correzione ad errori compiuti nella sua formulazione, e nonostante siano state avanzate finora diverse ipotesi di cambiamento, ancora nulla è stato concretamente fatto ma il problema più grande da risolvere per intervenire sul serio sul sistema previdenziale è quello delle risorse. Ed è proprio a causa della mancanza delle coperture finanziare necessarie che è saltata ancora una volta la possibilità di andare in pensione entro questo mese di agosto per i pensionandi di Quota 96.

Si tratta dei lavoratori della scuola, personale Ata e docenti, che pur avendo già maturato i requisiti di accesso alla pensione sono rimasti a lavoro per oltre due anni, bloccati dall’avvento della legge Fornero che ha ‘dimenticato’ di considerare che il termine dell’anno scolastico (31 agosto) non coincide con il termine dell’anno solare (31 dicembre). Tempi diversi, dunque, anche per la maturazione della pensione.

Diverse volte proposto, diverse volte bocciato, si pensava che prima dell’estate l’emendamento che avrebbe consentito il pensionamento dei Quota 96 della scuola fosse finalmente al traguardo, ma proprio alla fine riecco una doccia fredda: dopo aver ricevuto il prima via libera, la norma è stata cancellata dalla riforma della Pubblica Amministrazione e tutto è nuovamente saltato.

Ma la delusione dei Quota 96 della scuola rappresenta, in realtà, una delusione per tutti coloro che speravano che qualcosa stesse finalmente cambiando per le pensioni, perché permettere di andare in pensione ai 4mila insegnanti in attesa avrebbe significato intervenire con una prima correzione sulla legge Fornero e dare, dunque, il via a modifiche che stanno diventando sempre più necessarie. Ora la situazione è tornata ad essere complicata per tutti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il