BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Quota 96: ultime e ultimissime notizie, novità oggi mercoledì 3 Settembre in CDM Renzi Riforma Scuola (NUOVO AGGIORNAMENTO)

Si continua a lottare per soluzioni immediate per pensionamenti per i Quota 96 della scuola: situazione, speranze e prospettive




AGGIORNAMENTO:  Renzi non ha parlato direttamente in conferenza stampa, ma in un video dove ha presentato le riforme della scuola tratteggiando le linee principali ma dando davvero poche iniziative operative. Confermati nuovi fondi nelle Legge di Stabilità e aperta una consultazione pubblica dal 15 settembre al 15 novembre a cui potranno partecipare studenti, insegnanti e tutte le persone interessante. Non si è parlato affatto di quota 96 nonostante le promesse di Renzi e le parole del Ministro Giannini. Una ennesima delusione. Qui il video dell'intervento ufficiale di Renzi, oggi mercoledì 3 Settembre

AGGIORNAMENTO: Alle ore 10 di oggi, mercoledì 3 settembre 2014, Renzi spiegherà la Riforma della Scuola come ha annuciato ieri relativamente alle misure su contratti, stipendi, scatti di merito, assunzioni precari, supplenze, programma per, poi, dare inizio ad una ampia consultazione pubblica su questi temi. 
Ci si aspetta, anche facendo seguito alle parole del Ministro Giannini, che Renzi intervenga su quota 96 pensioni scuola sia per i docenti che personale ATA indicando una possibile soluzione. Soluzione che aveva promesso lui stesso riguardo questo errore della Legge Fornero dopo il blocco subito nella Riforma della PA a fine Luglio.
Tutte le ultime notizie, novità e non solo le aggiorneremo in questo articolo durante il corso della giornata.

Non si hanno notizie su possibili soluzioni per i pensionamenti dei Quota 96 della scuola e non si hanno nemmeno certezze che possano essere discusse mercoledì prossimo, 3 settembre, nella riforma della Scuola che arriva in Consiglio dei Ministri. E dopo la manifestazione di protesta tenutasi venerdì scorso e le lamentele giunte a seguito della Festa dell'Unità a Bologna, Davide Faraone, il responsabile Pd di Welfare e istruzione, rivolgendosi ai Quota 96, ha detto: “Aspettate mercoledì. Abbiate fiducia. Discuteremo con il mondo della scuola”. Ma in realtà solo qualche giorno fa il ministro Giannini aveva annunciato che nella riforma della Scuola non vi sarebbe stato alcun intervento per i Quota 96.

A bloccare, per l’ennesima volta, la norma di pensionamento per il pensionamento dei 4mila lavoratori della scuola, tra personale Ata e docenti, nonostante raggiunti i requisiti pensionistici, la Ragioneria di Stato che ha portato a stralciare la norma dalla riforma della P.A., nonostante il presidente della Commissione Bilancio Boccia avesse fatto sapere che le risorse per mandare i docenti in pensioni fossero state reperite. Poi, improvvisamente, il governo non ha aveva più disponibilità di tali risorse, secondo la Ragioneria e la norma è scomparsa.

Secondo, però, il Magistrato Ferdinando Imposimato, “Quota 96 non è stato un errore. Ho il sospetto che sia stato fatto apposta per risparmiare. Se è stato fatto un errore, poi, il legislatore ha il compito di correggerlo”. E spiega: “Ci sono tutti i presupposti per far intervenire la Corte Costituzionale”. Intanto, i Quota 96 continuano ad organizzare manifestazioni per perorare la loro causa e premere sull’assunzione dei precari. E per ottobre è in programma una una grande manifestazione insieme agli studenti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il