BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi e novità presenti nell'Agenda dei mille giorni e conseguenze cambio dei Ministri

Rimpasto di governo e nuova Agenda di lavoro del governo Renzi: cosa può cambiare davvero per pensioni e uscita anticipata?




AGGIORNAMENTO: Vi consigliamo di leggere l'articolo sottostante, ma anche questa altra news a questo link diretto dove spieghiamo l'unica novità realmente presente per quanto riguarda l'Agenda dei mille giorni presentata da Governo Renzi per quanto riguarda le pensioni e il sistema previdenziale italiano. Al momento, dunque, di possibile sembra esserci un solo cmabiamento anche se non sono da sottovalutare tutte le ipotesi finora scritte e ipotizzate.

Di eventuale rimpasto di governo si era già parlato mesi fa, quando l’Italia, alla guida del semestre europeo, ha ritenuto di dover ripensare nomine e incarichi. Ed ora la conferma di questa operazione arriva dallo stesso premier Renzi che ha detto: “Vorrei rimescolare il puzzle, in previsione di un mandato lungo mille giorni”. Dopo la nomina della Mogherini in Europa, si pensa a chi potrebbe prendere il suo posto nell’esecutivo, ma non solo, perché si pensa anche a come modificare altri dicasteri.

Si parte dalla Farnesina e da Angelino Alfano: il premier vorrebbe che lasciasse la poltrona del Viminale per la guida dal ministero degli Esteri (per cui circola anche il nome di Lapo Pistelli), e con Alfano alla Farnesina e agli Interni potrebbe arrivare Graziano Delrio. Vacilla Stefania Giannini all’Istruzione, mentre non sembra sia previsto alcun cambiamento da parte dei ministri Poletti e Madia, i due artefici possibili delle modifiche all’attuale riforma pensioni, e sembra ci si stia allineando alla linea di lavoro di Padoan che già tempo fa aveva dichiarato di non essere d’accordo sull’abbassamento dell’età pensionabile e sull’uscita anticipata e che ritiene ancora non sia giusto agire senza quelle risorse necessarie al cambiare.

Bisognerà, comunque, capire che nella nuova Agenda di lavoro del governo vi sarà almeno qualche indicazione sulla previdenza, visto che più volte lo stesso premier Renzi ha ribadito l’importanza di agire sulla riforma pensioni Fornero con alcune modifiche, necessarie per risolvere grandi questioni, come esodati e Quota 96, ma senza stravolgerla completamente o cancellarla, come richiesto dalla Lega che ha indetto un referendum proprio a tal fine.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il