BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Quota 96 e Riforma della Scuola: nessun intervento e novità ufficiale oggi mercoledì 3 Settembre in CDM. Il video di Renzi

Misure nuova riforma della scuola e possibili nuove speranze per i pensionamenti dei Quota 96 della scuola: cosa potrebbe cambiare mercoledì 3 settembre




AGGIORNAMENTO: Renzi è intervento come annunciato alle 10 per presentare le linee sulla riforma della scuola, ma senza nessun a conferenza stampa. Solo con un video, dove ha annunciato le linee generali e ha aperto uan consultazione pubblica tra il 15 settmbre e il 15 Novembre. Nessun accenno, novità e notizie riguardante quota 96 pensioni scuola. Una ennesima delusione. Il filmato dell'intervento di Renzi lo potete trovare qui sotto, alla fine dell'articolo

AGGIORNAMENTO: Alle ore 10 di oggi, mercoledì 3 settembre 2014, Renzi spiegherà la Riforma della Scuola come ha annuciato ieri relativamente alle misure su contratti, stipendi, scatti di merito, assunzioni precari, supplenze, programma per, poi, dare inizio ad una ampia consultazione pubblica su questi temi. 
Ci si aspetta, anche facendo seguito alle parole del Ministro Giannini, che Renzi intervenga su quota 96 pensioni scuola sia per i docenti che personale ATA indicando una possibile soluzione. Soluzione che aveva promesso lui stesso riguardo questo errore della Legge Fornero dopo il blocco subito nella Riforma della PA a fine Luglio.
Tutte le ultime notizie, novità e non solo le aggiorneremo in questo articolo durante il corso della giornata.

Ancora nessuna soluzione per permettere la pensione ai Quota 96 della scuola ma arrivano dichiarazioni incoraggianti da parte di ministri e sindacati. Forse un dietrofront da parte del ministro Giannini che dopo aver dichiarato, solo qualche giorno fa, che nella riforma della scuola non vi sarebbe stato alcuno provvedimento per permettere il congedo, finalmente, ai pensionandi della scuola di Quota 96, intervenuta alla Festa dell’Unit, davanti ad un gruppo di Quota 96, ha detto: “Abbiate fiducia”. E il riferimento era forse a qualche possibile novità che potrebbe essere presentata mercoledì 3 settembre quando in Cdm arriverà proprio la riforma della Scuola.

Il ministro Giannini ha spiegato: “La scuola deve tornare ad essere ascensore sociale. L’organico è sottodimensionato: dobbiamo partire da questa considerazione. E poi stipendi adeguati” che prevedano premialità ma anche penalizzazioni”. 

Sui programmi didattici, Giannini vorrebbe l’insegnamento della musica nella scuola primaria, potenziamento dell’insegnamento della lingua straniera e una maggior aggiornamento degli insegnanti rispetto alle nuove tecnologie.

Per le scuole superiori, invece, il ministro propone un’alternanza scuola lavoro. Il modello è quello dell’apprendistato: “Solo il 9% dei nostri studenti fa stage in azienda, ma anche le nostre imprese devono essere preparate ad accoglierli”. Notizie anche sull’università, per cui il ministro ha parlato di superamento del test per l’ammissione alla facoltà di medicina. Per la Giannini, bisogna infatti abolire la selezione all’ingresso per “togliere potere ai baroni”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il