BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: previdenza anticipata e flessibile in legge lavoro nuova come quella tedesca

Il premier Renzi guarda alla Germania come modello per impostare la riforma del lavoro ma positiva anche la nuova legge pensionistica tedesca: come funziona e differenze Italia




La Germania come modello cui fare riferimento per impostare la nuova riforma del lavoro nella nostra Italia: si guarda positivamente a sistema dei sussidi di disoccupazione ordinaria, ai cosiddetti mini-job, cioè contratti di lavoro ad orario ridotto e bassi stipendi, alla riforma degli uffici di collocamento pubblici, al reddito minimo garantito per i disoccupati, a contratti di lavoro più flessibili, nonchè ad un sistema di tassazione locale rimodulato.
 
Questo l’obiettivo annunciato dal premier Renzi, da alcuni appoggiato, da altri contrastato. Il presidente del Consiglio, qualche giorno fa, ha detto: “L’Italia farà le riforme mantenendo il limite del 3% e utilizzando la flessibilità che l'Ue ci consente di utilizzare. Sul lavoro la Germania è un nostro modello, non un nostro nemico. E il problema non è l'articolo 18 che riguarda 3000 persone in Italia”. E ancora: “La Banca centrale europea il 18 settembre darà 200 miliardi di euro alle banche perché li diano alle imprese. E noi vigileremo perché le banche diano soldi alle imprese”.

L’Italia, dunque, guarda alla sua amica-nemica Germania come modello a cui ispirarsi sul lavoro ma alcuni invitano a farlo anche sulle pensioni, che solo qualche mese fa nel Paese della Merkel sono cambiate aprendosi ad una maggiore flessibilità e garantendo la possibilità di uscita anticipata. Una riforma delle pensioni tedesca che sembra aver messo in atto quello di cui in Italia si discute da mesi, ma contro cui, sin dall’inizio, si è ‘schierato’ il ministro dell’Economia italiana Padoan, ritenendo che anticipare l’età di pensionamento nel nostro Paese come fatto in Germania non produrrebbe assolutamente effettivi positivi. E il dibattito è ancora aperto.

Se, infatti, la riforma pensioni in Italia fissa come età di uscita attuale il raggiungimento dei 66 anni e tre mesi per tutti, la nuova legge sulle pensioni approvata in Germania prevede la possibilità di lasciare il lavoro a 63 anni con 45 di contributi e prevede anche un miglioramento dei trattamenti pensionistici per le mamme in maternità prima del 1992 e per gli inabili al lavoro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il