BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi, Imu, IUC: quando e quanto si paga. Calcolo ed esempi prma casa, terreni, seconda casa prima rata Ottobre

Si paga il 16 ottobre la prima rata Tasi 2014 nei Comuni ritardatari ed entro metà settembre dovranno essere comunicate le nuove aliquote: come fare calcolo




Si paga il prossimo 16 ottobre il primo acconto Tasi, ma entro metà settembre (il 18) i Comuni interessati dovranno comunicare le nuove aliquote di pagamento 2014. Tra questi figurano anche Milano, Roma, Firenze, Padova, Bari, Pescara, Foggia, Palermo, Messina. Sono le città in cui le amministrazioni comunali non sono riuscite a deliberare per tempo entro lo scorso 23 maggio le aliquote di pagamento della nuova tassa sulla casa e a cui è stata concessa una proroga.

Questi Comuni ora hanno tempo fino al 10 settembre per decidere le nuove aliquote che devono essere pubblicate il 18 settembre. Nel caso in cui non si riuscissero a deliberare le nuove aliquote 2014 entro questo settembre, allora la Tasi sarà pagata in un'unica soluzione il 16 dicembre, con l'aliquota base dell'1 per mille. Ma in molti casi non avrà un effetto positivo: chi, per esempio, ha una casa con una rendita catastale bassa, fino a 400 euro, e pagherà la Tasi all'1 per mille senza detrazioni, verserà più dell'Imu versata nel 2012 sull'abitazione principale, che godeva della detrazione di 200 euro.

Per fare qualche esempio, un’abitazione principale con una rendita di 350 euro due anni fa pagava 35 euro di Imu, mentre ne pagherà 59 con la Tasi all'1 per mille. Ogni Comune, comunque, ha facoltà di decidere in autonomia le aliquote da applicare su prime case, seconde case e immobili commerciali, con la possibilità di aumentarle fino allo 0,8 per mille e portando, dunque, l’aliquota sulle abitazioni principali dal 2,5 per mille al 3,3 e quella su tutti gli altri immobili dal 10,6 all’11,4 per mille.

Ogni Comune avrà inoltre facoltà di definire le proprie detrazioni, che non sono tuttavia obbligatorie e valgono esclusivamente sulle prima casa, e che saranno definite in base alla rendita catastale della casa; e la percentuale di pagamento per gli inquilini. Diversamente, infatti, dall’Imu, la nuova Tasi  viene pagata da proprietari di immobili e affittuari ma a questi ultimi spetta il pagamento di una piccola percentuale, compresa tra il 10 e il 30%, sulla cifra totale. Per calcolare in maniera semplice Imu e Tasi si può usare il seguente calcolatore http://www.webmasterpoint.org/news/calcolo-online-tasi-con-software-e-simulatore-per-conteggio-automatico-compilazione-f24-e-bollettino-postale_p59827.html.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il