BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Pensioni anzianità e vecchiaia riforma Governo Renzi: novità INPS per agire sui conti correnti direttamente. Già inviata lettera

Nuova busta Inps ai pensionati che inviata a firmare per prelievo soldi dal proprio conto corrente: il sindacato dei pensionati inviata a non firmare




La riforma delle pensioni Renzi non passa solo dalle novità allo studio per garantire un’uscita anticipata ai lavoratori che non riuscissero a maturare i nuovi requisiti Fornero, ma anche da novità ‘organizzative’ che stanno cambiando in seno all’Inps. Non solo busta arancione (per conoscere la propria posizione pensionistica e futuro previdenziale) o nuovo ‘bustone’ (plico con una serie di documenti che certificano la posizione contributiva di ogni lavoratore): in arrivo dall’Istituto di previdenza, infatti, anche una nuova lettera che invita i pensionati a recarsi presso le proprie banche per firmare un documento-delega che consentirebbe all’Inps di prelevare soldi dal loro conto corrente.

Il segretario Leonardo Franchini della Fnpi, il sindacato dei pensionati della Cisl, dopo aver fattoo alcune verifiche, ha chiaramente invitato a non firmare: “Noi abbiamo detto agli iscritti che ci hanno chiesto di cosa si trattasse di non firmare niente. Abbiamo fatto alcune verifiche indirette e abbiamo scoperto che l’Inps, che ha fatto diversi errori nel liquidare le pensioni, intende recuperare così i suoi presunti errori. Ma ci sono diversi problemi. In primo luogo chi ci assicura che questi errori siano stati fatti veramente? Come si è sbagliata nel versare i soldi l’Inps potrebbe sbagliarsi nel ritirarli. E in questo caso come potrebbero i pensionati recuperare il maltolto?”.

Franchini ha pertanto spiegato: “Noi invitiamo i pensionati a non firmare. Non c’è niente che li obblighi e soprattutto non è giusto nessuno può ritirare a piacimento dai nostri conti e non crediamo che possa iniziare l’Inps. I pensionati sono la parte fragile del paese e non possono essere trattati in questo modo. Se l’Inps compie errori non si capisce perché li debbano pagare i pensionati”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il