Tasi, IMU, IUC: quando si paga prima casa, seconda casa, terreni, case in affitto.Calcolo aliquote e detrazioni prima rata Ottobre

Tasi 2014: si paga il 16 ottobre nei Comuni ritardatari. Aliquote decise entro domani 10 settembre e detrazioni ed esenzioni previste per casi particolari

Tasi, IMU, IUC: quando si paga prima cas


Milano, Pavia, Roma, Varese, Firenze, Padova, Salerno, Como, Palermo, Verona Messina, Bari, Taranto, Pescara, Trieste, Foggia, Termoli: questi i grandi Comuni dove la prima rata si paga il prossimo ottobre, il 16. Pagano la nuova tassa sui servizi indivisibili comunali i proprietari di prima e seconda casa e degli immobili commerciale, nonché gli affittuari, in percentuali dal 10 al 30%, stabilite dai singoli Comuni.

Se, infatti, l’abitazione è occupata da un soggetto diverso dal titolare del diritto reale, il pagamento Tasi si divide tra i due soggetti e l’affittuario dovrà versare una percentuale compresa tra il 10% ed il 30% del totale complessivo mentre la somma restante sarà pagata dal proprietario.

Nelle città capoluogo che hanno già pubblicato le aliquote, molte hanno alzato al massimo aliquote su prime case e atri immobili, portandole al 3,3 per mille e all’11,4 per mille, come Bologna, Genova, Napoli, Torino, Venezia, Firenze, Catania. A Roma e Milano, la Tasi sulle prime case si ferma al 2,5 per mille ma sale al massimo su tutti gli altri immobili. Secondo le stime, la Tasi peserà sulle famiglie italiane parecchi e sette famiglie su dieci pagheranno la Tasi più dell’Imu.

Ci sono, tuttavia, anche casi in cui sono previste particolari esenzioni e detrazioni, per esempio, ben il 15% dei Comuni finora ha esentato l’abitazione principale dalla Tasi; altri invece hanno esentato seconde case e altri immobili già colpiti dall’Imu; ogni Comune poi può prevedere riduzioni ed esenzioni nel caso di abitazioni con unico occupante; locali, diversi dalle abitazioni, ed aree scoperte adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo, ma ricorrente; abitazioni per uso stagionale o altro uso limitato e discontinuo; fabbricati rurali ad uso abitativo; e abitazioni occupate da soggetti che risiedano o abbiano la dimora all’estero per più di sei mesi all’anno.

Detrazioni ed esenzioni possono essere determinate a discrezione del singolo Comune in base alla capacità contributiva della famiglia valutata attraverso l’applicazione dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE).

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il