BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi ultime notizie riforma: sono giorni decisivi per decidere interventi con coperture grazie a tagli sprechi

Tagli ai ministeri, 20 miliardi di risparmi dalla spending review del Commissario Cottarelli e possibili nuovi interventi pensioni con nuovi fondi: le eventuali novità




Ridurre le spese per ogni Ministero per mettere da parte circa 20 miliardi di euro di risparmi: questo il piano del Commissario Carlo Cottarelli che dovrebbe partire con la sua spending review. “Anche nella macchina della pubblica amministrazione alcuni tagli vanno fatti, c’è troppo grasso che cola. L’operazione di tagli è un’operazione che fa chiunque in una famiglia normale” ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Il premier spiega che “Per far ripartire l’Italia occorre fare le riforme, senza le quali non si va da nessuna parte: continueremo a fare le riforme costi quel che costi ma non basta. Il meglio deve ancora venire”.

E in quest’ottica di necessità di riforme le risorse finanziarie da accumulare sono centrali, perché senza soldi, come dimostrato per questione Quota 96, per esempio, così come per modifiche alla riforma pensioni Fornero bloccate, non si va da nessuna parte. Il piano tagli di spesa annunciato da Cottarelli, del 3%, è stato già accettato dai ministri e lo stesso Commissario ha sottolineato che non si dovrebbe trattare di tagli lineari, ma d ogni ministero toccherà indicare, responsabilmente, le eventuali voci da tagliare.

Parte dei soldi che si metteranno da parte potrebbero, come detto dal ministro Alfano, servire per evitare il blocco stipendi per le forze dell’ordine quanto meno, ma potrebbero andare anche alle pensioni per intervenire con sistemi di uscita anticipata o aumento degli assegni pensionistici più bassi, forse quelli  sotto i mille euro, come aveva già annunciato il premier Renzi qualche mese fa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il