BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità e vecchiaia riforma Governo Renzi: novità, quadro sempre più chiaro su anticipata, assegno, tasse e tagli

Come possono cambiare realmente le pensioni con problemi economici e confusione ancora sui possibili interventi: le ultime novità




Si discute ormai da tanto, troppo tempo di riforma pensioni ma i lavoro del governo sembrano bloccati dalla mancanza di risorse da impiegare per consentire ai lavoratori che lo volessero di andare in pensione prima, con sistemi di uscita anticipata che siano sostenibili da un punto di vista economica, o addirittura a costo zero, prevedendo anche la possibilità di risparmiare nuove risorse da reimpiegare sempre per intervenire sulle pensioni. Basti pensare a prelievo di solidarietà sulle cosiddette pensioni d’oro o estensione del sistema contributivo anche agli uomini, prorgandolo fino al 2018.

Nuove risorse che, si spera, possano essere utilizzate anche per modificare l’attuale riforma pensioni che ha penalizzato, e non poco, la maggior parte dei lavoratori, creando disparità e gravi errori, come il caso esodati o dei Quota 96, potrebbero derivare da quei venti miliardi di euro di risparmi individuati dal Commissario alla spending review Carlo Cottarelli, attraverso i tagli da definire per ogni Ministero.

Al momento, però, tutto sembra molto confuso e piuttosto aleatorio, così come lo è la nuova possibilità uscita di estensione del bonus di 80 euro anche ai pensionati. Il ministro dell’Economia Padoan ha annunciato che “La Legge di Stabilità sarà il primo passo nel sentiero dei mille giorni del governo e verrà confermato il bonus di 80 euro ma verranno inseriti anche benefici fiscali per le imprese nonchè norme per il rimborso dei debiti della PA”.

Ma intanto, da questo mese di settembre, ecco comparire un contributo di solidarietà, diciamo, nelle busta paga dei lavoratori dipendenti e a carico degli imprenditori, che, per le imprese con oltre 15 dipendenti, dovranno versare un contributo appunto dello 0,50% sulla retribuzione di settembre.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il