BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Blocco stipendi statali, polizia, carabinieri, militari, insegnanti, vigili del fuoco 2015 Renzi: novità e ultime notizie

Ieri sera premier Renzi ospite della prima puntata di Porta a Porta su Rai Uno: possibile trovare soldi per stipendi militari. La situazione




Ma è l’ulteriore diminuzione delle tasse sul lavoro l’annuncio che il premier prende nel salotto di Porta a Porta, pur confermando che l’Italia rispetterà il tetto del 3 per cento deficit/Pil. E, dopo lo scontro con i sindacati di polizia per la conferma del blocco degli stipendi degli statali, il premier è fiducioso che «i soldi possono essere trovati» a condizione però, avverte, che le parti sociali la smettano con veti e toni «inaccettabili».

Per la prima volta le forze dell'ordine minacciano scioperi e proteste dopo l'annuncio del ministro Madia sul nuovo blocco degli stipendi nel 2015. Ma forse per i militari qualche spiraglio di 'salvezza' potrebbe aprirsi. Ieri sera il premier Renzi è stato ospite della prima puntata del nuovo anno di Porta a Porta e ha parlato di pil, risorse e spending review. Il premier ha precisato “Il pil ballerà intorno allo zero, non basta per ripartire”. Ma ci saranno i “20 miliardi di risparmi senza tagli lineari» per confermare gli 80 euro e prendere nuovi impegni, in primis un’ulteriore diminuzione delle tasse sul lavoro. Senza voli pindarici portiamo l’Italia fuori dalla crisi”.

E sottolinea che le risorse deriveranno dalla spending review, prevedendo un contributo del 3% per ogni ministero e i tagli alla spesa pubblica serviranno a destinare 900 milioni alla scuola, a confermare il bonus di 80 euro e ad estendere il beneficio anche a pensionati e titolari di partite Iva. Ma è l’ulteriore diminuzione delle tasse sul lavoro l’annuncio che scuote, insieme al fatto che, proprio come anticipato dal ministro Alfano, probabilmente potranno essere trovati i soldi per non bloccare gli stipendi dei militari, “a condizione però, avverte il premier, che le parti sociali la smettano con veti e toni inaccettabili”. Non si sa invece se e in che misure potrebbero essere protetti dal blocco le alte categorie di dipendenti pubblici.

  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il