BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Blocco stipendi statali, carabinieri, polizia, insegnanti, vigili del fuoco, militari 2015: novità questa settimana Governo Renzi

Ministro Madia annuncia blocco contratti e stipendi ma per Renzi disponibili risorse per rinnovo contratti militari: situazione e novità




“In questo momento di crisi le risorse per sbloccare i contratti a tutti non ci sono. Anche nel 2015 le buste paga resteranno bloccate. n momento di crisi guardiamo ai più bisognosi, quindi confermiamo gli 80 euro, che vanno anche ai lavoratori pubblici”: questo l’annuncio del ministro della Pubblica Amministrazione sul blocco nel 2015 per stipendi e contratti dei dipendenti pubblici che ha scatenato, per la prima volta, proteste e minacce di sciopero da parte delle forze dell’ordine.

Il ministro degli Interni Alfano, sin dai primi giorni di protesta, si era detto ottimista su eventuali  risorse per rinnovare gli stipendi dei militari. E aveva dichiarato: “Ci sono le condizioni per lo sblocco degli stipendi delle forze di polizia ed io sono convinto di trovare il favore del governo e del premier, purché i sindacati abbassino i toni che hanno il sapore della minaccia”.

L’idea di Alfano è stata confermata dalle ultime parole del parole premier Renzi che, solo qualche sera fa, ospite di Porta a Porta, a dichiarato che vi sono effettivamente le risorse per prevedere un taglio delle tasse sul lavoro e rinnovare i contratti per i militari. Annuncio che, se da una parte, solleva le forze dell’ordine, dall’altra delude tutti gli altri dipendenti pubblici che verrebbero esclusi dal rinnovo, nonché coloro che auspicavano interventi sulle pensioni, interventi che non arriveranno perché le risorse (forse poche) disponibili, verranno impiegate per altre operazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il