BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi e Imu: calcolo online aliquote e detrazioni prima rata Ottobre in automatico. Dove e quando si paga, lista Comuni aggiornata

Pagamento acconto Tasi fissato il prossimo 16 ottobre: chi paga, come e quanto. In alcuni Comuni pagano la Tasi solo le prime case. Cosa c’’è da sapere




Manca poco ormai alla definizione delle nuove aliquote di pagamento 2014 della nuova Tasi, tassa sui servizi indivisibili comunali, che debutta quest’anno e la cui prima rata è stata già pagata da alcuni Comuni lo scorso giugno. Molti, però, vale a dire i Comuni che entro lo scorso maggio non sono riusciti a definire le nuove aliquote 2014, pagano l’acconto Tasi il prossimo 16 ottobre ed hanno tempo ancora fino al 18 settembre per stabilire le aliquote, ed eventuali detrazioni, e comunicarle al sito del Mef perché provveda alla loro pubblicazione ufficiale. Tra i ‘nuovi’ Comuni che hanno deciso le nuove aliquote ci sono Milano, Roma, Verona, Bari, Firenze, Lecce, Pavia,Como, Padova, Trieste, Palermo, Catania, Monza, Perugia, Messina, Foggia, Palermo, Taranto, ma per consultare la lista basta semplicemente accedere al seguente sito

Per calcolare la Tasi 2014, basta considerare la stessa base imponibile che si usa per il calcolo Imu, vale a dire la rendita catastale, rivalutarla del 5%, moltiplicare per il risultato il coefficiente dell’immobile per cui si è chiamati a pagare e applicare al risultato aliquote e detrazioni fissate dai propri Comuni di residenza. Toccherà, inoltre, sempre al comune definire anche quanto pagheranno gli inquilini perché la Tasi deve essere pagata non solo dai proprietari, come avviene per l’Imu, ma anche dagli affittuari cui spetterà, però, il versamento di una quota compresa tra il 10 e il 30% della cifra totale.

A Roma, per esempio, ai proprietari spetta l’80% del pagamento e agli inquilini il 20%; a Milano gli affittuari pagheranno il 10% del totale Tasi, mentre in alcuni Comuni, come Napoli, l’amministrazione ha stabilito che gli inquilini non pagheranno nulla. Per eseguire il calcolo Tasi, oltre a rivolgersi a commercialisti e Caf, ci si può servire anche del seguente calcolatore online automatico , decisamente semplice da usare.

Per fare qualche esempio, a Roma si paga la Tasi sulle prime case calcolata con un’aliquota al 2,5 per mille, sono state decise detrazioni in base alla rendita catastale, per cui si usufruirà di una detrazione di 110 euro  per gli immobili con rendita fino a 450 euro; una detrazione di 60 euro per immobili con rendita tra 451 e 650 euro; una detrazione di 30 euro per immobili con rendita catastale tra 651 e 1.500 euro. Aliquota sulle prime case al 2,5 per mille anche a Milano, mentre quella su tutti gli altri immobili è stata alzata al massimo dell’11,4 per mille. A Firenze, invece, pagano la Tasi solo le prime case, con aliquota al 3,3 per mille e non pagano i proprietari di tutti gli altri immobili, su cui però pesa sempre l’Imu.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il