BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie Governo Renzi: riforma attesa ma già in vigore deroga nuova per anticipata a soli 15 anni di anzianità

Ancora problemi e ostacoli per interventi su riforma pensione ma alcuni lavoratori possono uscire prima con soli 15 anni di contributi: chi sono e requisiti




Si attendono ancora novità dal governo sulla questione pensioni, ci si augura nella prossima Legge di Stabilità anche le speranze sono flebili, considerando che più volte, sia il ministro Poletti che il premier Renzi, hanno ribadito che interventi sulla riforma pensioni non arriveranno con la nuova Legge di Stabilità di ottobre. Mancano le risorse economiche necessarie per attuare modifiche e di certo non si riusciranno e reperire in appena un mese. Eppure vi sarebbero al vaglio sistemi che permetterebbero un’uscita anticipata a costo zero, come il sistema contributivo per tutti o anche il prestito pensionistico, per cui però non sembrano esserci possibilità di approvazione, almeno al momento.

La novità, invece, riguarda una nuova deroga Inps secondo cui alcuni lavoratori hanno ancora la possibilità di andare in pensione con soli 15 anni di contributi. Secondo la circolare diffusa dall’Inps, possono usufruire di questa possibilità donne e lavoratori con attività lavorative non continue come servizi domestici e familiari, lavoratori dello spettacolo o agricoli. Per andare in pensione prima basta che abbiano maturato 15 anni di contributi entro il 31 dicembre 1992.

Il lavoratore interessato deve, però, avere perfezionato l'età anagrafica per accedere a questo beneficio e cioè alla pensione di vecchiaia, e l'età richiesta è quella della legge Fornero, secondo cui ‘A decorrere dal primo gennaio 2014, i lavoratori interessati potranno conseguire la pensione di vecchiaia, con almeno 15 anni di contribuzione al 1992, compiendo un'età pari a 63 anni e 9 mesi per le lavoratrici dipendenti, 64 anni e 9 mesi per le lavoratrici autonome, 66 anni e 3 mesi per i lavoratori dipendenti , le lavoratrici dipendenti del settore pubblico, i lavoratori autonomi’.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il