BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Blocco stipendi statali, polizia, carabinieri, militari, insegnanti, vigili del fuoco 2015 Renzi: sindacati cancellano sciopero

Blocco stipendi statali e rinnovo per militari: controversa la situazione. C’è chi prosegue scioperi e proteste. I motivi




Controverse le posizioni dei sindacati dei lavoratori pubblici nei confronti degli annunci di blocco e successivo rinnovo dei contratti degli statali. Mentre Sap, Sappe (polizia penitenziaria), Sapaf e Conapo (vigili del fuoco) confermano lo sciopero del 23 settembre, la maggioranza delle sigle sospende l'agitazione, circa il 95%  dei sindacati del comparto sicurezza e dei Cocer, tra cui Ugl, Siulp, Siap-Anfp, Cisp, Silp-Cgil, Confsal (vigili del fuoco Uil) e tutti i Cocer.

Questi sindacati hanno deciso, secondo quanto riportato da un comunicato, di ‘sospendere, alla luce dell'apertura del governo, qualunque manifestazione su base nazionale, prendendo al contempo le distanze da eventuali ulteriori iniziative assunte da sigle diverse’, pronti a valutare quanto dichiarato da Alfano nonché la veridicità degli annunci del governo. Intanto oggi, lunedì 15 settembre, alle 18, i sindacati e le rappresentanze militari saranno ricevuti dal partito del ministro Alfano, l'Ncd, mentre domani, martedì 16, alle 15 toccherà al M5S, poi alla Giorgia Meloni di Fratelli d'Italia.

Coloro che invece hanno deciso di portare avanti scioperi e proteste,spiegano che lo faranno perché non si fidano ‘di vane parole e promesse, troppe volte i poliziotti e vigili del fuoco sono stati traditi. Anche perché il ministro Alfano, dopo aver detto che il problema dello sblocco stipendiale sarà risolto, ha precisato che ora occorre individuare lo strumento tecnico e il veicolo di legge più veloce per risolverlo. Che cosa vuol dire? I soldi necessari, circa un miliardo di euro, sono stati trovati per tutto il personale oppure si pensa di risolvere il problema solo per alcuni operatori e rinviare per altri tutto alle calende greche? Contrariamente ad altre organizzazioni, prontissime a firmare qualsiasi intesa, noi non accetteremo compromessi e sblocchi parziali’.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il