BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi e Imu: Roma e Milano. Chi deve pagare, quanto, come. Aliquote, detrazioni, regole ufficiali. Calcolo prima casa, seconda casa

Aliquote e detrazioni Tasi 2014 a Milano e Roma: come sono state decise e come calcolare la nuova tassa sulla casa




Prime case, seconde case, case in affitto, capannoni, negozi, aziende, uffici e tutti gli altri immobili commerciali: tutti chiamati al pagamento Tasi 2014. L’acconto, per i Comuni che non lo hanno versato lo scorso giugno, si paga il 16 ottobre con pubblicazione delle delibere ufficiali entro giovedì 18 settembre sul sito del Mef. La Tasi su abitazioni principali, seconde case e tutti gli immobili sarà calcolata a seconda delle aliquote che ogni Comune, singolarmente, potrà definire in autonomia. Per le prime abitazioni si va da un minimo del 2,5 per mille ad un massimo del 3,3 se il Comune decide di applicare la maggiorazione dello 0,8 per mille prevista dal governo.

Su tutti gli altri immobili l’aliquota può essere aumentata dal 10,6 all’11,4 per mille. Pagano la Tasi anche gli inquilini, in percentuale, però, compresa tra il 10 e il 30% della cifra totale. Vi sono tuttavia Comuni che non hanno già deciso, o lo faranno, di non far pagare gli affittuari. Pagano comunque una percentuale del 20% a Roma e 10% a Milano i cittadini in affitto.

Anche nelle due grandi città per eccellenza, di Italia, la prima rata Tasi 2014 si paga il 16 ottobre. Entrando più nel dettaglio di aliquote e detrazioni, a Roma l’aliquota sulle abitazioni principali è stata stabilita al 2,5 per mille, al massimo del’11,4 per mille su seconde case. Esenti dal pagamento le seconde case date in comodato ai figli ma solo se con un reddito inferiore a15mila euro.

Per quanto riguarda il sistema detrazioni su prime case, queste sono state modulate sulla rendita catastale ed è prevista, pertanto, una detrazione di 110 euro per immobili con rendita fino a 450 euro; una detrazione di 60 euro per immobili con rendita tra 451 e 650 euro; una detrazione di 30 euro per immobili con rendita catastale tra 651 e 1.500 euro.  

Anche a Milano l’aliquota sulle prime case è stata fissata al 2,5 per mille e al massimo dell’11,4 per mille su seconde case e immobili commerciali. Per quanto riguarda le detrazioni, anche a Milano sono calcolate in base alla rendita catastale dell’abitazione e dovrebbero variare da un minimo di 24 euro per chi ha una rendita catastale tra i 600 e i 700 euro, a un massimo di 115 euro per chi ha una rendita catastale fino a 300 euro. Per effettuare il calcolo Tasi in maniera semplice e veloce si può usare il seguente calcolatore http://www.webmasterpoint.org/servizio/calcolo-iuc-imu-tasi-tari/prima-casa/ e procedere al pagamento poi con bollettino postale o compilazione del modello F24.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il