BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Indulto e Amnistia: nuovi interventi e dichiarazioni Osapp, Boldrini, Orlando, Associazione Antigone

Non si placa la polemica sull’emergenza carcerari all’indomani dei nuovi dati allarmanti e c’è chi chiede interventi urgenti e immediati: la situazione




Non si placa la polemica sull’emergenza carcerari all’indomani dei nuovi dati allarmanti comunicati sulla situazione di un sovraffollamento che, seppur diminuito, non ha contribuito a migliorare le condizioni di vita nelle celle dei penitenziari italiani. La situazione è, infatti, ancora drammatica. Susanna Marietti, dell’associazione Antigone, che si occupa dei diritti dei detenuti, denuncia: “Il sovraffollamento carcerario continua nei limiti che è stato denunciato e siamo ancora sotto osservazione da parte della Corte europea dei diritti umani, nonostante siano stati apprezzati a giugno i decreti che hanno fatto fronte all’emergenza”.

Segue la denuncia di Donato Capece, segretario generale del Sappe, “Negli ultimi 3 anni si sono suicidati più di 30 poliziotti e dal 2000 ad oggi sono stati complessivamente più di 100, ai quali sono da aggiungere anche i suicidi di un direttore di istituto  e di un dirigente generale. Lo ripetiamo da tempo: bisogna intervenire con soluzioni concrete, con forme di aiuto e sostegno per quei colleghi che sono in difficoltà”.

Anche l’Osapp (sindacato autonomo di polizia penitenziaria) denuncia le condizioni “di estremo disagio con cui gli agenti della polizia penitenziaria si trovano a operare” e il segretario generale Beneduci sollecita tempestivi interventi, che stanno diventando sempre più urgenti, da parte del governo.

Per alcuni solo le misure di indulto e amnistia potrebbero risolvere il problema del sovraffollamento carceraria, ma secondo il ministro della Giustizia Orlando ritiene che dare il via libera a “misure di amnistia e indulto sia piuttosto arduo, perché vige una sorta di populismo che cavalca l’argomento al fine di ottenere consenso elettorale”.

Per la presidente della Camera, Laura Boldrini, “Il sovraffollamento carcerario è un ostacolo alla riabilitazione delle persone detenute. Il Quella delle carceri in Italia è ancora una questione all’ordine del giorno. Il sistema carcerario ha ancora tanti problemi, mentre per quanto riguarda la giustizia minorile il nostro Paese sta dando esempio di buone pratiche su come si possono recuperare i giovani”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il