BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi Milano e Roma: calcolo, esempi, regolamento per tutti gli immobili prima rata Ottobre. Chi, quando e come deve pagare

I cittadini di Milano e Roma sono chiamati al pagamento della prima rata Tasi 2014 il prossimo 16 ottobre: quanto pagheranno




I cittadini di Milano e Roma sono chiamati al pagamento della prima rata Tasi 2014 il prossimo 16 ottobre. Manca, dunque, meno di un mese per calcolare quanto costerà la nuova tassa sui servizi indivisibili garantiti da ogni singolo Comune ai suoi residenti e presentarsi poi all’appuntamento con il versamento. Secondo la Cgia di Mestre il valore della Tasi sarà decisamente alto per le famiglie italiane, soprattutto li dove non saranno previste detrazioni che, ricordiamo, possono essere applicate esclusivamente sulle prime case. Non valgono pertanto su seconde case e ogni tipo di immobile commerciale.

Nel capoluogo meneghino le aliquote di pagamento Tasi 2014 sono state deliberate e comunicate: sono del 2,5 per mille su prime abitazioni  e dell’11,4 per mille su seconde case e capannoni, uffici, terreni e negozi, con detrazioni definite in base al valore della rendita catastale degli immobili. A Milano si parte da una detrazione di 115 euro per le abitazioni con rendita catastale fino a 300 euro; per arrivare a detrazioni di 112 euro per le abitazioni con rendita catastale fino a 350 euro; di 99 euro per le abitazioni con rendita catastale da 350,01 a 400 euro, purchè il reddito non sia superiore a 21 euro; di 87 euro per le abitazioni con rendita catastale da 400,01 a 450 euro,

Si cala ancora a detrazioni di 74 euro per le abitazioni con rendita catastale da 450,01 a 500 euro; di 61 euro per le abitazioni con rendita catastale  da 500,01 a 550 euro; di 49 euro per le abitazioni con rendita catastale da 550,01 a 600 euro; e di 24 euro per immobili con rendita catastale  tra 600,01 e 700 euro.

E’ stata inoltra stabilita una detrazione di 20euro per ciascun figlio di età non superiore a ventisei anni, purché abiti e risieda nell’unità immobiliare adibita ad abitazione principale. Pagano a Milano anche gli inquilini ma nella misura del 10% del totale Tasi, meno, di quanto si pagherà nella Capitale.  

A Roma, infatti, agli inquilini spetterà il pagamento del 20% della somma Tasi 2014 e l’80% sarà pagato così dai proprietari. Per quanto riguarda le aliquote deliberate, è stata fissata al 2,5 per mille per le prime e all’11,4 per mille su secondo case, e uffici, terreni, negozi, capannoni. Aliquota al 2,5 per mille anche per gli immobili di proprietà (purchè non locati) di anziani o disabili che risiedono in case di cura o strutture sanitarie; e per la casa coniugale assegnata al coniuge, dopo separazioni legali o cessazione del matrimonio.

Il comune di Roma ha anche deciso diverse detrazioni, calcolare sulla base della rendita catastale degli immobili e valevoli solo per le prime case. E’, pertanto, stata stabilita una detrazione di 110 euro agli immobili con rendita fino a 450 euro; una detrazione di 60 euro agli immobili con rendita tra 451 euro e 650 euro; una detrazione di 30 euro agli immobili con rendita catastale tra 651 euro e 1.500 euro. Nessuna detrazione ulteriore per i residenti con figli.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il