BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: cambiamenti in Francia positivi dopo modifiche in Germania

Dopo la Germania nuovi interventi sulle pensioni anche in Francia: solo in Italia restano in vigore le norme restrittive della riforma pensioni Fornero




Dopo la riforma pensioni in Germania, che poco prima dell’estate ha abbassato l’età pensionabile per tutti, anche la Francia ha deciso di modificare il suo sistema previdenziale. Il primo ministro francese, Manuel Valls, ha annunciato  250 milioni complessivi per misure a favore dei pensionati e che le pensioni che non superano i 1200 mensili dovrebbero essere aumentate di circa 40 euro. A questa novità dovrebbe aggiungersi anche l’aumento di 800 euro delle pensioni minime di vecchiaia.

Valls ha ammesso che “Non è molto 40 euro ma questo permetterà di adeguare le pensioni basse al livello del costo della vita. Questo permette di non vedere una riduzione delle pensioni più basse in linea con l’impegno che avevo assunto”, precisando che l’aumento sarà finanziato dallo Stato attraverso tagli alla spesa.

La novità pensioni in Francia è stata annunciata nonostante la situazione economica del Paese non sia, come in Italia, delle migliori, visto che ha un deficit che supera il 3%, eppure si è deciso di intervenire sulle pensioni per rilanciare sia consumi che economia.

Ed ecco che, dopo la riforma in Germania e la novità francese, ora nel contesto europeo la nostra riforma pensioni Fornero è quella più restrittiva e con maggiori blocchi dove nessuno interviene neanche per sanare errori e ingiustizie create dalla stessa legge, basti ricordare il caso degli esodati o dei pensionandi di Quota 96 della scuola ancora in attesa della pensione dopo più di due anni. La speranza è che nella prossima Legge di Stabilità possano arrivare quei piani di uscita anticipata di cui si sta discutendo e che non dovrebbero, tra l’altro, prevede l’impiego di risorse in più giacchè a costo zero.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il