BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi, Imu, Tari: Potenza, Milano, Trieste, Foggia. Calcolo prima casa, negozi, uffici, terreni, seconda casa aliquote e detrazioni

Quanto costerà la Tasi 2014 a Potenza, Milano, Trieste, Foggia: pubblicate le delibere con aliquote e detrazioni. Quali sono




Si avvicina il nuovo appuntamento con la Tasi, l’imposta sui servizi indivisibili comunali, e Potenza, Milano, Trieste, Foggia ma non solo, anche Lecce, Roma, Palermo, Messina, Catanzaro e tanti altri sono i Comuni che pagheranno l'acconto il prossimo 16 ottobre. Vediamo città per città cosa hanno stabilito le delibere singole comunali. A Milano aliquota al 2,5 per mille su prime case e all’11,4 per mille su seconde case e capannoni, terreni, uffici e negozi.

Per quanto riguarda la detrazioni, prevista una detrazione di 115 euro per le abitazioni con rendita catastale fino a 300 euro;  di 112 euro per le abitazioni con rendita catastale fino a 350 euro; di 99 euro per le abitazioni con rendita catastale da 350,01  a 400 euro, a condizione di percepire un reddito non superiore a 21 euro; una detrazione di 87 euro per le abitazioni con rendita catastale da 400,01 a 450 euro; una detrazione di 74 euro per le abitazioni con rendita catastale da   450,01 a 500 euro; una detrazione di 61 euro per le abitazioni con rendita catastale  da 500,01 a 550 euro; di 49 euro per le abitazioni con rendita catastale da 550,01 a 600 euro; e di 24 euro per immobili con rendita catastale  tra 600,01 e 700 euro.

A Milano coloro che vivono in case in affitto pagano il 10% della cifra Tasi totale. Ricordiamo che pagano gli inquilini che hanno contratti d’affitto superiori ai sei mesi. Anche a Foggia, gli inquilini pagheranno il 10% della cifra complessiva della Tasi ementre il 90% spetterà ai proprietari. Per quanto riguarda le aliquote, quella sulle abitazioni principali è stata fissata al 3,3 per mille con detrazioni di 200 euro, mentre su seconde case e immobili commerciali l'aliquota è del 10,6 per mille.

Aliquota al 2,5 per mille su prime case anche a Trieste, dove sono previste per tutti detrazioni di 25 euro per ogni figlio di età inferiore ai 26 anni, per un massimo di 4 figli. Le altre detrazioni sono fissate in base alla rendita catastale: in particolare, prevista una detrazione di 90 euro per immobili con rendita catastale da 300,01 a 400 euro; di 60 euro per rendite catastali da 400,01 a 500 euro; di 30 euro per rendite catastali da 500,01 euro a 600 euro.

Anche a Potenza l’aliquota sulle prime case è fissata al 2,5 per mille e sono previste detrazioni di 50 euro per ogni figlio convivente fino a 26 anni di età, purché dimorante abitualmente e residente anagraficamente nell’unità immobiliare e detrazioni di 100 euro su prime case. Prevista poi un'aliquota agevolata dello 0,76% per le abitazioni con canone agevolato a soggetti a basso reddito.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il