BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi, Imu, Tari: Palermo, Firenze, Roma, Verona. Calcolo aliquote e detrazioni prima casa, negozi, terreni, uffici, seconda casa

Deliberate nuove aliquote e detrazioni per pagamento prima rata Tasi 2014 a Palermo, Roma, Firenze, Verona. Si paga il 16 ottobre




Tutto è ormai stato deciso anche nei Comuni ritardatari per il nuovo pagamento dell’acconto Tasi 2014 in programma per il prossimo 16 ottobre. Si pagherà in tutti quei Comuni che entro giovedì 18 settembre hanno deliberato e pubblicato le nuove aliquote di pagamento per la nuova tassa sui servizi indivisibili comunali ed eventuali detrazioni sulle prime case. Si paga, tra gli altri Comuni, anche a Palermo, Roma, Firenze e Verona. A Palermo è stata decisa un’aliquota al 2,89 per mille su prime case con detrazioni per rendite catastali fino a 100 euro e 20 euro di sgravi per figli minorenni, anziani sopra i 70 anni e figli disabili.

A Roma aliquota al 2,5 per mille sulle abitazioni principali e all’11,4 per mille su tutti gli altri immobili, seconde case, negozi, uffici, capannoni, terreni. Aliquota al 2,5 per mille anche sulla casa coniugale assegnata al coniuge, dopo provvedimenti di separazione legale o cessazione del matrimonio; e sull'immobile posseduto da disabili o anziani o disabili residenti in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente.

Deliberate dal Comune anche una serie di detrazioni in base alla rendita catastale: stabilita una detrazione di 110 euro agli immobili con rendita fino a 450 euro; una detrazione di 60 euro agli immobili con rendita tra 451 euro e 650 euro; una detrazione di 30 euro agli immobili con rendita catastale tra 651 euro e 1.500 euro. Nessuna detrazione prevista per figli residenti nella prima abitazione. Pagano la Tasi a Roma anche gli inquilini nella percentuale del 20%.

La nuova tassa sulla casa a Firenze si paga solo sulle prime case con aliquota dello 0,33%, e sono state deliberate sei fasce di detrazioni: si va dalle detrazioni di 170 euro per chi ha una rendita catastale più bassa, ai 30 euro di detrazione per la quinta fascia (1.000-1.200 euro). Detrazioni previste anche per i figli, del valore di 25 euro per figli inferiori ai 26 anni che risiedono stabilmente nella prima abitazione.

A Verona le aliquote su prima casa e su seconde case e altri immobili sono state stabilite al 2,5 per mille e al 10,6 per mille. Per quanto riguarda le detrazioni, previste detrazioni di 200 per rendite catastali fino a 350 euro;detrazioni di 100 euro per rendite catastali da 351 a 600 euro; una detrazione di 50 euro per rendite catastali da 601 a 700 euro, e nessuna detrazione per rendite catastali superiori ai 751 euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il