BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Indulto e Amnistia: novità questa settimana tra lavori in Parlamento, nuova iniziative e Riforma Giustizia

Prosegue l'esame dei quattro ddl su misure di indulto e amnistia ma ancora nessuna decisione e posizioni ancora discordanti in merito: la situazione




Prosegue a rilento l’esame dei quattro ddl per le misure amnistia e indulto, pensate per cercare di risolvere il problema del sovraffollamento carcerario in Italia, misure da tanti auspicate, compreso il presidente della Repubblica Napolitano, ma da altri osteggiate, perché non considerate risolutivo di un ‘emergenza che dovrebbe in realtà essere risolta con interventi più profondi. Lo stesso premier Renzi si dice da sempre contrario a queste misure di clemenza, motivo per il quale ha dato priorità alle misure compensative del decreto carceri, come sconto pena e risarcimenti economici per detenuti costretti in condizioni drammatiche.

Sono misure che hanno già ricevuto il via libera dal Parlamento, mentre i quattro disegni di legge presentati dai senatori Barani, Campagna, Buemi e Manconi attendono ancora una risposta in un testo unificato, il presidente della Camera, Laura Boldrini, si è mostrata aperta sul tema, spiegando però che indulto e amnistia non sono tra le priorità del governo ma anche che “l'attuale sovraffollamento è un ostacolo alla riabilitazione delle persone detenute”, mentre il ministro della Giustizia Orlando continua a non esporsi più tanto sul tema ma ha parlat di modifiche del sistema carcerario detentivo nella riforma della Giustizia.

Prendono, invece, posizione sulle misure di clemenza le singole regioni che iniziano a dar vita a nuove iniziative, come in Abruzzo, dove il consiglio regionale ha approvato una risoluzione che riguarda la situazione di sovraffollamento delle carceri, invitando il governo ad “adottare provvedimenti di amnistia e indulto, il cui ambito di applicazione sarà definito dal Parlamento stesso in considerazione della gravità dei reati”. E questa iniziativa arriva proprio all'indomani degli ultimi dati sulla situazione carceraria italiana, dati non certo confortanti ma che mettono in luce ancora un'emergenza diffusa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il