BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi Milano e Roma: calcolo online con compilazione F24 automatico per pagamento prima casa, seconda casa e altri immobili

Pagamento acconto Tasi 2014 a Milano e Roma il 16 ottobre: come calcolare la nuova tassa sulla casa e modalità di pagamento con F24 e bollettini postali




Aliquota al 2,5 per mille sulle prime case e al massimo, 11,4 per mille su seconde case, negozi, uffici, capannoni, aziende: queste le nuove aliquote di pagamento Tasi 2014 deliberate a Milano. Sono state ufficialmente pubblicate sul sito del Mef, pronte per pagare la nuova tassa sulla casa il prossimo 16 ottobre. Il Comune milanese ha anche fissato le detrazioni per le prime case sulla base della rendita catastale e si prevede una detrazione di 115 euro per le abitazioni con rendita catastale fino a 300 euro; per arrivare a detrazioni di 112 euro per le abitazioni con rendita catastale fino a 350 euro; di 99 euro per le abitazioni con rendita catastale da 350,01 a 400 euro, purchè il reddito non superi i 21mila euro; di 87 euro per le abitazioni con rendita catastale da 400,01 a 450 euro.

Detrazioni di 74 euro per le abitazioni con rendita catastale da 450,01 a 500 euro; di 61 euro per le abitazioni con rendita catastale  da 500,01 a 550 euro; di 49 euro per le abitazioni con rendita catastale da 550,01 a 600 euro; e di 24 euro per immobili con rendita catastale  tra 600,01 e 700 euro. Previste anche detrazioni di 20 euro per famiglie che hanno figli minori di 26 anni residenti abitualmente nella prima abitazione. Per quanto riguarda gli inquilini in case in affitto, toccherà loro pagare il 10% della cifra Tasi totale.

Pagheranno, invece, in percentuale del 20% i cittadini in affitto a Roma, mentre le aliquote sono state deliberate al 2,5 per mille per le prime abitazioni e all’11,4 per mille su secondo case e tutti gli altri immobili commerciali. L’aliquota al 2,5 per mille vale anche per gli immobili di cui sono proprietari anziani o disabili residenti, però, in case di cura o strutture sanitarie.

Per quanto riguarda le detrazioni per le prime case, è prevista una detrazione di 110 euro agli immobili con rendita fino a 450 euro; una detrazione di 60 euro agli immobili con rendita tra 451 euro e 650 euro; una detrazione di 30 euro agli immobili con rendita catastale tra 651 euro e 1.500 euro e non è stata deliberata nessuna ulteriore detrazione per le famiglie con figli residenti inferiori ai 26 anni.

Una volta calcolato quanto bisognerà pagare di Tasi, si potrà procedere al pagamento con bollettini postali o modello F24. In quest’ultimo caso, bisogna compilare la sezione ‘Imu e altri tributi locali’, con il numero degli immobili, l’anno di riferimento 2014, e ricordarsi di inserire il codice tributo di ogni immobile 3958 per abitazione principale e relative pertinenze; 3959 per fabbricati rurali ad uso strumentale; 3960 per aree fabbricabili; 3961 per altri fabbricati. Infine bisogna scrivere acc per indicare che il pagamento si riferisce appunto all’acconto. Si può procedere anche alla compilazione del modello F24 in maniera automatica dopo il calcolo stesso.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il