BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi Agrigento, Roma, Cagliari, Ravenna e altre città: aliquote, detrazioni e calcolo prima casa, terreni, seconda casa ottobre

Calcolo nuova Tasi 2014 ad Agrigento, Roma, Cagliari, Ravenna: decise nuove aliquote di pagamento per prossimo 16 ottobre. Come fare




Prossimo 16 ottobre nuova data di pagamento per l'acconto Tasi 2014 e sono chiamati a pagare i cittadini dei Comuni che hanno deliberato le nuove aliquote entro giovedì scorso 18 settembre, Tra questi Agrigento, Roma, Cagliari, Ravenna.

A Roma sulle prime case l’aliquota è stata fissata al 2,5 per mille, mentre è stata alzata  al massimo dell’11,4 per mille l’aliquota di pagamento su seconde case, capannoni, aziende, uffici, negozi, mentre sarà del 20% la percentuale di pagamento che spetterà a coloro che vivono in case in affitto. Aliquota all’1 per mille per le case di lusso, con detrazione di 30 euro rapportata al periodo dell’anno durante il quale si protrae la destinazione ad abitazione principale; e su fabbricati rurali ad uso strumentale.

A Roma gli inquilini pagano poi una percentuale del 20% della somma totale Tasi 2014 e il Comune ha deliberato le detrazioni sulla prima casa in base alla rendita catastale dell’immobile: prevista, dunque, una detrazione di 110 euro agli immobili con rendita fino a 450 euro; una detrazione di 60 euro agli immobili con rendita tra 451 euro e 650 euro; una detrazione di 30 euro agli immobili con rendita catastale tra 651 euro e 1.500 euro.

A Ravenna l’aliquota Tasi 2014 sulle prime case e relative pertinenze è fissata al massimo del 3,3 per mille , stessa aliquota che vale per fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita. Se  l’immobile è occupato da un soggetto diverso dal titolare del diritto reale, la Tasi è dovuta dall’eventuale occupante nella misura del 10% del tributo complessivamente dovuto.

Per quanto riguarda le detrazioni, sono due in particolare quelle previste: una detrazione base, determinata esclusivamente in funzione della rendita catastale complessiva dell’abitazione principale e relative pertinenze; e una ulteriore detrazione di 50 euro per ciascun figlio di età non superiore a ventisei anni, o di età superiore qualora portatore di invalidità uguale o superiore a due terzi, purché dimorante abitualmente e residente anagraficamente nell’unità immobiliare adibita ad abitazione principale.

Le detrazioni per rendita catastale, in particolare, sono di 140 euro per rendite catastali fino a 250 euro, di 120 euro per rendite catastale comprese tra 251 e 350 euro; di 90 euro per rendite da 351 a 450 euro; di 50 euro per rendite catastali da 451 a 650 euro.

Anche a Cagliari aliquota su abitazioni principali e relative pertinenze fissata al 3,3 per mille. Previste detrazioni di 40 euro per la presenza di figli inferiori ai 26 anni di età dimoranti nella prima abitazione e in base alla rendita catastale. In particolare, è prevista una detrazione di 100 per rendite catastali fino a 300 euro: di 93 euro per rendite da 301 a 850 euro; di 93 più 25 però di detrazioni per i figli per rendite da 851 a 11250 euro. Infine, ad Agrigento, aliquota su abitazioni principali al 2,5 per mille.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il