BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Amnistia e indulto: la situazione in stalla tra Riforma Giustizia e discussioni in Parlamento

Continua in Commissione Giustizia la discussione dei quattro ddl sulle misure di indulto e amnistia. Nuove dichiarazioni ministro Orlando




Continua in Commissione Giustizia la discussione dei quattro ddl sulle misure di indulto e amnistia e l'esame congiunto dei ddl è, infatti, nella nuova convocazione dei lavori della settimana parlamentare che va dal 22 al 26 settembre. Ma si teme che la discussione sulle misure di clemenza possa ancora slittare dopo le ultime dichiarazioni del presidente della Camera.

La Boldrini avrebbe infatti fatto sapere che i provvedimenti di amnistia e indulto non sono tra le priorità del Parlamento, anche se ha mostrato interesse e sensibilità verso l’argomento e, oltre a promettere altre visite nelle carceri italiane, ha dichiarato che seguirà da vicino i lavori sulle misure alternative alla detenzione che più volte ha annunciato anche il ministro Orlando.

Su indulto e amnistia il ministro Orlando non si è ancora pronunciato, rimandando ogni decisione alle Camere e ha detto “Se non vogliamo che sia la fiera dell’ipocrisia, dobbiamo dire che è un tema elettoralmente indigeribile e spesso anche politicamente. Da quando è stato deciso che per votarlo serve una maggioranza dei 2/3 è diventata un’ipotesi di scuola. Non riusciamo a mettere assieme una maggioranza dei 2/3 sul superamento del bicameralismo, figuriamoci su amnistia e indulto”.

Ma, dopo i provvedimenti dello svuota carceri già approvato, Orlando ci ha tenuto a chiarire che “In questo momento abbiamo 54 mila detenuti e abbiamo avuto una forbice fra posti disponibili e carcerati che aveva raggiunto anche i 20 mila detenuti e che ora si è molto ristretta”, volendo mostrare come l’emergenza carceraria, seppur lentamente, si sta risolvendo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il