BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni usuranti e precoci Governo Renzi: riforma, novità con potenziali benefici per tutti da FMI, Premier e Presidente INPS.

Revisione delle pensioni di invalidità, reversibilità, baby pensioni, pensioni integrative: quali le novità possibilità insieme ad uscita anticipata




“Con le varie riforme abbiamo innalzato l'età lavorativa ed è stato un successo dal punto di vista della sostenibilità finanziaria; ora si tratta di rendere il sistema più flessibile, perché non tutti i lavoratori sono uguali. Ad esempio un minatore non può lavorare fino a 80 anni. In base alla contribuzione raggiunta si può decidere se andare avanti o meno”: queste le ultime dichiarazioni del commissario Inps, Vittorio Conti, che, d’accordo con quanto spiegato e proposto finora dal ministro del Lavoro Poletti, chiede al governo, anch’egli, interventi sulla riforma pensioni che garantiscano possibilità di uscita anticipata e maggiore flessibilità.

Si tratta di rilanciare, eventualmente, quei meccanismi ormai da sempre allo studio del governo, come sistema contributivo, prestito pensionistico, uscita a 62 anni e con 35 anni di contributo, che non costerebbero nulla né a Stato, né ad Inps perché implicherebbero, in ogni caso, penalizzazioni. Così il lavoratore avrebbe sì la possibilità di andare in pensione prima rispetto al termine attualmente fissato ma in cambio di penalizzazioni, che renderebbero sostenibili, da un punto di vista economico, i piani proposti.

Ma non solo: il premier Renzi, incitato dal Fondo Monetario Internazionale, che solo qualche giorno fa richiamato l’Italia invitandola a fare qualcosa per rimettere a posti i conti sulle pensioni, decisamente tropo costose, pensa a qualcosa di più profondo che possa non solo garantire flessibilità, e quindi da vita anche a quella staffetta generazionale che permetterebbe possibilità di lavoro a nuovi giovani che subenterebbero ai prepensionati, ma anche equità.

E si pensa, in tal senso, a stanare i furbetti che ingannano il sistema previdenziale italiano ricevendo, per esempio, false pensioni di invalidità. E allora, al via la revisione delle pensioni di invalidità, ma anche di reversibilità, delle pensioni integrative, delle baby pensioni, per risistemare dal basso tutto ciò che non va e non è andato nel nostro sistema.   

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il