BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie Governo Renzi: riforma, come stanno davvero i lavori su leggi presenti in Parlamento

Come procede la discussione sulle modifiche alla riforma pensioni soprattutto dopo richiesta interventi da Fmi. Novità e possibili soluzioni




Sono mesi che si discute ormai di riforma pensioni, novità modifiche orientate soprattutto verso la flessibilità e che possano garantire un’uscita anticipata ma, nonostante le discussioni nei mesi, non si è arrivati ad alcuna conclusione reale. Anzi. Si continua a discutere e vi sono urgenze, come quelle di esodati e Quota 96, ancora da risolvere. La discussione però tiene impegnate forze politiche e sociali ormai da tanto tempo. Sin dalla stesura della riforma della Pubblica Amministrazione, per esempio, vi erano modifiche alla riforma pensioni così come soluzioni per i Quota 96 della scuola.

Ma proprio al momento dell’approvazione della riforma della P.A. è sparito l’emendamento che avrebbe permesso il pensionamento ai 4mila lavoratori della scuola, così come l'ipotesi di pensione anticipata con diverse soluzioni, come il part time, cancellazioni che certo non sono state un buon segnale per quanti attendevano novità. Novità che poi si sono susseguite nel tempo ed oggi ancora al vaglio.

Tra le diverse soluzioni proposte per cambiare la riforma pensioni Fornero, meccanismi a costo zero, proprio per non pesare né su Stato né eventualmente su Inps, tutti con previsioni di penalizzazioni, come la proposta, avanzata sia dal presidente della Commissione Lavoro Damiano, sia dal sottosegretario Baretta, di uscita anticipata a 62 anni, 35 anni di contributi e una serie penalizzazioni calcolate in percentuale rispetto all’anno di uscita anticipata rispetto alla soglia attuale dei 66.

Ma non solo: soluzioni a costo zero anche il prestito pensionino di Poletti, l’estensione dell’opzione contributivo donna anche agli uomini, sistema che addirittura sul lungo periodo garantirebbe anche risparmi, considerando i tagli sugli assegni pensionistici contributivi e non retributivi. Considerando che, vista la situazione attuale dell’Italia e l’evidente condizioni di crisi che vive, considerando le richieste, giunte da voci autorevoli come il Fondo Monetario Internazionale, di interventi sulle pensioni, ci si aspetta che qualcosa avvenga con la prossima Legge di Stabilità di ottobre.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il