BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Quota 96: ultime notizie, novità e ultimissime oggi giovedì 26 Settembre

Come risolvere l’impasse della gravosa questione dei Quota 96 della scuola? Molti ancora i dubbi ma pronta nuova manifestazione per martedì 30 settembre




Ancora senza una risposta i Quota 96 della scuola, 4mila lavoratori, pensionandi, che avrebbero potuto essere già a riposo da 2012 ma che per effetto dell’entrata in vigore della riforma pensioni Fornero sono ancora a lavoro. Qualche speranza per il loro pensionamento si era accesa con la riforma della Pubblica Amministrazione che conteneva un emendamento che avrebbe permesso loro di andare in pensione entro il 31 agosto di quest’anno.

Le risorse c’erano, aveva assicurato il presidente della Commissione bilancio, Francesco Boccia. Ma al momento dell’approvazione della riforma, l’emendamento è stato cancellato. E dal primo settembre professori ancora un anno in cattedra. Le risorse, come più volte ribadito dalla Ragioneria di Stato, non ci sono. E allora, come uscire da questa situazione di impasse?

Dopo ripetuti interventi da parte degli interessati alla consultazione pubblica online lanciata da Renzi sulla riforma della Scuola, dopo settimane di silenzio da parte di quelle stesse forze politiche, come Damiano e Boccia che si sono sempre battuti per i diritti dei quota 96, qualche giorno fa proprio Boccia ha rassicurato dicendo che “la vertenza verrà risolta entro settembre 2015”. Molti i dubbi.

In riferimento alla vertenza, il deputato Carlo Sibilia del M5S ha presentato un’interrogazione parlamentare in cui chiede la pensione per quota 96, ma probabilmente anche questa interrogazione resterà senza risposta.

E in considerazione della continua titubanza del governo a voler chiudere questa partita della scuola, i Quota 96 hanno organizzato per martedì 30 settembre, alle 13, un presidio al Miur, Viale Trastevere 76. L’obiettivo è chiedere di rispondere con una soluzione concreta all’urgenza del mancato pensionamento che coinvolge 4mila persone.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il